Pubblicità

Il Disturbo Post Traumatico da Stress nei due sessi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1339 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In uno studio della Stanford University School of Medicine, emerge che il Disturbo Post Traumatico da Stress colpisce il cervello dei ragazzi e delle ragazze diversamente.

Disturbo Post Traumatico da Stress

Le ragazze adolescenti con Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) sembrano subire una maturazione accelerata in una regione del cervello che integra le emozioni e le azioni.

Tra i giovani con disturbo da stress post-traumatico, lo studio ha rilevato differenze strutturali tra i sessi in una parte dell'insula, una regione del cervello che rileva segnali dal corpo e processi emozionali come l'empatia. L'insula aiuta a integrare i propri sentimenti, le azioni e diverse altre funzioni cerebrali.

I risultati saranno pubblicati on-line l’11 novembre in Depression and Anxiety. Lo studio è il primo a mostrare le differenze tra i pazienti PTSD maschili e femminili in una parte dell'insula coinvolgendo l’emozione e l’empatia.

"L'insula sembra giocare un ruolo chiave nello sviluppo di PTSD", ha detto l'autore dello studio, Victor Carrion, MD, professore di psichiatria e scienze comportamentali alla Stanford. "La differenza che abbiamo visto tra i cervelli di ragazzi e ragazze che hanno subito traumi psicologici è importante perché può aiutare a spiegare le differenze di sintomi traumatici tra i due sessi".

L’insula si mostra più piccola nelle ragazze traumatizzate

Tra i giovani che sono esposti a stress traumatico, alcuni sviluppano PTSD, mentre altri non lo fanno. Le persone con PTSD possono avere flashback di eventi traumatici; possono evitare i luoghi, le persone e le cose che li ricordano il trauma; e possono sviluppare una serie di altri problemi, tra cui il ritiro sociale e la difficoltà a dormire o a concentrarsi.

Una ricerca primaria ha dimostrato che le ragazze che hanno subito traumi hanno più probabilità di sviluppare PTSD rispetto ai ragazzi che soffrono di traumi, ma gli scienziati non sono stati in grado di determinarne il motivo.

Il team di ricerca ha condotto una risonanza magnetica del cervello di 59 partecipanti di età compresa tra i 9 e i 17 anni. Trenta di loro (14 ragazze e 16 ragazzi) avevano sintomi traumatici, e altri 29 (che rappresentavano il gruppo di controllo formato da 15 ragazze e 14 ragazzi) non lo mostravano.

I partecipanti traumatizzati e i non traumatizzati avevano età e QI simili. Dei partecipanti traumatizzati, 5 avevano sperimentato un episodio traumatico, mentre i restanti 25 avevano sperimentato due o più episodi o erano stati esposti ad un trauma cronico.

I ricercatori hanno visto differenze nella struttura del cervello tra ragazzi e ragazze nel gruppo di controllo. Tuttavia, tra i ragazzi e le ragazze traumatizzate, hanno visto le differenze in una parte dell'insula chiamata solco circolare anteriore.

Questa regione del cervello aveva un volume e una superficie più ampia nei ragazzi traumatizzati che nei ragazzi del gruppo di controllo. Inoltre, il volume e la superficie della regione erano più piccole nelle ragazze con trauma che tra le ragazze nel gruppo di controllo.

I risultati potrebbero aiutare i medici

"E 'importante che le persone che lavorano con i giovani traumatizzati considerano le differenze di sesso", ha detto Megan Klabunde, PhD, autore principale dello studio e docente di psichiatria e scienze comportamentali. "I nostri risultati suggeriscono che è possibile che i ragazzi e le ragazze potrebbero presentare diversi sintomi traumatici e che potrebbero beneficiare di diversi approcci al trattamento."

L'insula cambia normalmente durante l'infanzia e l'adolescenza, e un’insula con minor volume è tipica dei bambini e degli adolescenti che stanno crescendo. Così leggendo i risultati, Klabunde suggerisce che i che lo stress traumatico potrebbe contribuire ad un invecchiamento accelerato della corteccia dell'insula nelle ragazze che sviluppano PTSD.

"Ci sono alcuni studi che suggeriscono che alti livelli di stress potrebbero contribuire alla pubertà precoce nelle ragazze", afferma Klabunde.
I ricercatori hanno anche osservato che il loro lavoro può aiutare gli scienziati a capire come i traumi potrebbero giocare delle differenze tra i sessi per quanto riguarda la regolazione delle emozioni.

"Grazie ad una migliore comprensione delle differenze di sesso in una regione del cervello coinvolta nella lavorazione delle emozioni, i medici e gli scienziati possono essere in grado di sviluppare trattamenti per il trauma e per la disregolazione delle emozioni sesso-specifici," scrivono gli autori dello studio.

Per capire meglio i risultati, i ricercatori dicono che è necessario svolgere studi longitudinali per giovani traumatizzati di entrambi i sessi nel corso del tempo. Dicono anche tali studi dovrebbero esplorare ulteriormente come il PTSD possa manifestarsi in modo diverso nei maschi e nelle femmine, così come sono necessari trattamenti specifici per ambo i sessi.

Questo lavoro è un esempio di attenzione sulla salute della Stanford University, il cui obiettivo è quello di anticipare e prevenire le malattie, diagnosticarle con precisione e curarle.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: Disturbo Post Traumatico da Stress differenze nei sessi, insula, solco circolare anteriore,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni