Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il divorzio non danneggia i bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 273 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Frequentemente si sente dire che le conflittualità coniugali che poi sfociano nella separazione della coppia sono spesso la causa di problematiche che si manifestano nei figli attraverso sintomi e vissuti di disagio psichico più o meno intenso.

Studi recenti sull’argomento hanno invece in parte smentito questa opinione comune ribadendo il fatto che il divorzio dei genitori non è necessariamente un evento negativo per i loro bambini. In una delle precedenti ricerche sull’argomento, condotta in Gran Bretagna lo scorso anno, è emerso per esempio che molti dei bambini in questa situazione continuano a mantenere relazioni sufficientemente affettuose e rassicuranti con entrambi i genitori. Un’altra ricerca condotta recentemente in Australia ha rilevato come i figli di madri rimaste singles dopo la rottura del loro matrimonio non presentino un’incidenza maggiore in termini di problemi psichici di natura depressiva o ansiosa rispetto ai coetanei di genitori non divorziati.

La dr.ssa Sue Spence, docente di psicologia presso la Queensland University, ha condotto un ulteriore studio sull’argomento con una vasta raccolta di dati provenienti da esperienze relative a circa 4000 famiglie; i risultati mostrano che gli aspetti problematici nei figli in termini di disagio psicologico compaiono soprattutto quando le relazioni della coppia genitoriale sono molto conflittuali e disturbate, quindi al di là del fatto che i genitori siano divorziati o meno.

“Il fatto che ci sia un solo genitore in casa non è un problema per il bambino né un fattore di rischio – dice la dr.ssa Spence – mentre è importante che questa figura si mantenga stabile ed affidabile. Il rischio compare invece quando i genitori hanno atteggiamenti apertamente ostili e quando queste tensioni coniugali si riflettono eventualmente su uno o su entrambi di essi determinando forme depressive di varia intensità. Quando poi queste tensioni si sono verificate nei primi cinque anni di vita del bambino e le madri stesse hanno avuto disturbi depressivi o ansiosi come conseguenza della forte conflittualità coniugale, questo si ripercuote negativamente con una certa frequenza nei figli durante la loro fase adolescenziale..”.

tratto da:” Divorce doesn't have to give children the blues” - Deutsche Presse-Agentur (dpa) – Mar.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni