Pubblicità

Il fattore om

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 630 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Come “organized mind”: perché per fare tante cose insieme il segreto è metterle in ordine di importanzaom

Quando eravamo piccoli, i superpoteri più desiderati erano: essere invisibili o trasformarsi in una mosca per ascoltare le conversazioni altrui.

Oggi, in cima alla lista, ci sarebbe forse riuscire a fare tante cose contemporaneamente. Anzi, riuscirle a fare bene, perché già ne facciamo un sacco nello stesso tempo: guardiamo un film e commentiamo su Twitter, leggiamo un articolo e parliamo al telefono mentre controlliamo le notifiche su Facebook, rispondiamo a una e-mail e ascoltiamo musica.
La tecnologia, ovviamente, è una presenza ingombrante. Ma non è la sola responsabile dell’eccesso di informazioni e di distrazioni.
Il nostro mondo è cambiato, negli ultimi decenni in modo sempre più veloce e profondo.
Se pensiamo a come vivevano i nostri avi, faremmo fatica a concludere che le due realtà possano essere paragonabili. Il guaio è che il cervello è sempre lo stesso, perciò gli strumenti per organizzarci e per orientarci sono quelli che servivano a procacciarci da mangiare e da bere, a riconoscere i pericoli e a interagire con qualche appartenente alla nostra stessa specie.
Fino a qualche secolo fa avremmo conosciuto circa 200 persone in tutta la nostra vita, che è meno di quante se ne incontrano in un pomeriggio in una città non troppo affollata; e un numero di “amici”, per non parlare di fantomatici seguaci, che ci farebbe considerare specie di sociopatici.

Come possiamo organizzarci per non soccombere a questo continuo e massiccio fluire di stimoli? Come rimediamo alle troppe cose da fare e a cui pensare?
«Quando devi fare tante cose e la tua vitalità va giù…», comincia così la pubblicità di un integratore.
Ma quei prodotti non servono a niente. Quello che potrebbe servire è mettere ordine, come suggerisce Daniel Levitin, neuroscienziato e professore di Psicologia alla McGill University di Montreal, nel suo ultimo libro The Organized Mind: thinking straight in the age of information overload (Dutton).

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: fattore om organized mind ordine di importanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni