Pubblicità

Il fattore om

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 673 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Come “organized mind”: perché per fare tante cose insieme il segreto è metterle in ordine di importanzaom

Quando eravamo piccoli, i superpoteri più desiderati erano: essere invisibili o trasformarsi in una mosca per ascoltare le conversazioni altrui.

Oggi, in cima alla lista, ci sarebbe forse riuscire a fare tante cose contemporaneamente. Anzi, riuscirle a fare bene, perché già ne facciamo un sacco nello stesso tempo: guardiamo un film e commentiamo su Twitter, leggiamo un articolo e parliamo al telefono mentre controlliamo le notifiche su Facebook, rispondiamo a una e-mail e ascoltiamo musica.
La tecnologia, ovviamente, è una presenza ingombrante. Ma non è la sola responsabile dell’eccesso di informazioni e di distrazioni.
Il nostro mondo è cambiato, negli ultimi decenni in modo sempre più veloce e profondo.
Se pensiamo a come vivevano i nostri avi, faremmo fatica a concludere che le due realtà possano essere paragonabili. Il guaio è che il cervello è sempre lo stesso, perciò gli strumenti per organizzarci e per orientarci sono quelli che servivano a procacciarci da mangiare e da bere, a riconoscere i pericoli e a interagire con qualche appartenente alla nostra stessa specie.
Fino a qualche secolo fa avremmo conosciuto circa 200 persone in tutta la nostra vita, che è meno di quante se ne incontrano in un pomeriggio in una città non troppo affollata; e un numero di “amici”, per non parlare di fantomatici seguaci, che ci farebbe considerare specie di sociopatici.

Come possiamo organizzarci per non soccombere a questo continuo e massiccio fluire di stimoli? Come rimediamo alle troppe cose da fare e a cui pensare?
«Quando devi fare tante cose e la tua vitalità va giù…», comincia così la pubblicità di un integratore.
Ma quei prodotti non servono a niente. Quello che potrebbe servire è mettere ordine, come suggerisce Daniel Levitin, neuroscienziato e professore di Psicologia alla McGill University di Montreal, nel suo ultimo libro The Organized Mind: thinking straight in the age of information overload (Dutton).

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: fattore om organized mind ordine di importanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni