Pubblicità

Il fattore om

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 735 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Come “organized mind”: perché per fare tante cose insieme il segreto è metterle in ordine di importanzaom

Quando eravamo piccoli, i superpoteri più desiderati erano: essere invisibili o trasformarsi in una mosca per ascoltare le conversazioni altrui.

Oggi, in cima alla lista, ci sarebbe forse riuscire a fare tante cose contemporaneamente. Anzi, riuscirle a fare bene, perché già ne facciamo un sacco nello stesso tempo: guardiamo un film e commentiamo su Twitter, leggiamo un articolo e parliamo al telefono mentre controlliamo le notifiche su Facebook, rispondiamo a una e-mail e ascoltiamo musica.
La tecnologia, ovviamente, è una presenza ingombrante. Ma non è la sola responsabile dell’eccesso di informazioni e di distrazioni.
Il nostro mondo è cambiato, negli ultimi decenni in modo sempre più veloce e profondo.
Se pensiamo a come vivevano i nostri avi, faremmo fatica a concludere che le due realtà possano essere paragonabili. Il guaio è che il cervello è sempre lo stesso, perciò gli strumenti per organizzarci e per orientarci sono quelli che servivano a procacciarci da mangiare e da bere, a riconoscere i pericoli e a interagire con qualche appartenente alla nostra stessa specie.
Fino a qualche secolo fa avremmo conosciuto circa 200 persone in tutta la nostra vita, che è meno di quante se ne incontrano in un pomeriggio in una città non troppo affollata; e un numero di “amici”, per non parlare di fantomatici seguaci, che ci farebbe considerare specie di sociopatici.

Come possiamo organizzarci per non soccombere a questo continuo e massiccio fluire di stimoli? Come rimediamo alle troppe cose da fare e a cui pensare?
«Quando devi fare tante cose e la tua vitalità va giù…», comincia così la pubblicità di un integratore.
Ma quei prodotti non servono a niente. Quello che potrebbe servire è mettere ordine, come suggerisce Daniel Levitin, neuroscienziato e professore di Psicologia alla McGill University di Montreal, nel suo ultimo libro The Organized Mind: thinking straight in the age of information overload (Dutton).

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: fattore om organized mind ordine di importanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell’a...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni