Pubblicità

Il futuro del riposo è una macchina per dormire

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 266 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Potrebbe essere a portata di mano un dispositivo che induce il sonno artificiale per rigenerarsi all'occorrenza e mantenere il nostro cervello sempre al top. Un'equipe di scienziati italiani che lavorano in Usa ha scoperto che usando la stimolazione magnetica transcranica (TMS) si possono rigenerare nel cervello le "onde corte", ovvero quelle che lo attraversano nella fase del sonno profondo, in cui il nostro cervello recupera la stanchezza prodotta dalle fatiche del giorno. La notizia è apparsa sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze "PNAS"

La scoperta potrebbe portare a ricreare artificialmente le condizioni per riposare la mente anche quando non c'è tempo di, o per l'insonnia non si riesce a, dormire, spiega Giulio Tononi, neuropsichiatra italiano trasferitosi all'estero circa 15 anni fa dopo una laurea in medicina a Pisa e ora all'Università del Wisconsin-Madison, esperto di studi sul sonno. A lui si deve per esempio la scoperta che il sonno è un momento clou in cui si riorganizza l'architettura cerebrale dopo un giorno di attività, per assicurare la qualità delle nostre performance il giorno successivo.

Tratto da "Newton.Corriere.it" - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni