Pubblicità

Il futuro del riposo è una macchina per dormire

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 435 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Potrebbe essere a portata di mano un dispositivo che induce il sonno artificiale per rigenerarsi all'occorrenza e mantenere il nostro cervello sempre al top. Un'equipe di scienziati italiani che lavorano in Usa ha scoperto che usando la stimolazione magnetica transcranica (TMS) si possono rigenerare nel cervello le "onde corte", ovvero quelle che lo attraversano nella fase del sonno profondo, in cui il nostro cervello recupera la stanchezza prodotta dalle fatiche del giorno. La notizia è apparsa sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze "PNAS"

La scoperta potrebbe portare a ricreare artificialmente le condizioni per riposare la mente anche quando non c'è tempo di, o per l'insonnia non si riesce a, dormire, spiega Giulio Tononi, neuropsichiatra italiano trasferitosi all'estero circa 15 anni fa dopo una laurea in medicina a Pisa e ora all'Università del Wisconsin-Madison, esperto di studi sul sonno. A lui si deve per esempio la scoperta che il sonno è un momento clou in cui si riorganizza l'architettura cerebrale dopo un giorno di attività, per assicurare la qualità delle nostre performance il giorno successivo.

Tratto da "Newton.Corriere.it" - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni