Pubblicità

Il futuro del riposo è una macchina per dormire

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 309 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Potrebbe essere a portata di mano un dispositivo che induce il sonno artificiale per rigenerarsi all'occorrenza e mantenere il nostro cervello sempre al top. Un'equipe di scienziati italiani che lavorano in Usa ha scoperto che usando la stimolazione magnetica transcranica (TMS) si possono rigenerare nel cervello le "onde corte", ovvero quelle che lo attraversano nella fase del sonno profondo, in cui il nostro cervello recupera la stanchezza prodotta dalle fatiche del giorno. La notizia è apparsa sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze "PNAS"

La scoperta potrebbe portare a ricreare artificialmente le condizioni per riposare la mente anche quando non c'è tempo di, o per l'insonnia non si riesce a, dormire, spiega Giulio Tononi, neuropsichiatra italiano trasferitosi all'estero circa 15 anni fa dopo una laurea in medicina a Pisa e ora all'Università del Wisconsin-Madison, esperto di studi sul sonno. A lui si deve per esempio la scoperta che il sonno è un momento clou in cui si riorganizza l'architettura cerebrale dopo un giorno di attività, per assicurare la qualità delle nostre performance il giorno successivo.

Tratto da "Newton.Corriere.it" - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

News Letters

0
condivisioni