Pubblicità

Il lato nascosto del narcisista

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3349 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sebbene il segno distintivo del narcisista sia la fissazione verso il proprio aspetto, nuovi studi hanno messo in luce come le persone altamente narcisiste sperimentino disagio emotivo nell’osservare l’immagine di loro stessi allo specchio, piuttosto che provare gratificazione.

narcisista

Gli autori di questo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, per esaminare i correlati neurali di come si percepiscono i narcisisti nel momento in cui si guardano, hanno utilizzato la tecnica di Imaging Cerebrale.

Il narcisismo è una tematica di crescente interesse nel mondo scientifico e in quello pubblico, probabilmente a causa dei cambiamenti culturali che negli ultimi decenni hanno favorito questo tipo di comportamento centrato molto su sé stessi.

Emanuel Jauk, dell’Università di Graz, ha spiegato che l’obiettivo della ricerca è stato quello di approfondire la conoscenza dell’immagine di sé che hanno gli individui narcisisti attraverso le Neuroscienze, in modo da poterne comprendere meglio anche gli aspetti meno consapevoli.

Per lo studio, sono stati scelti 21 individui che avevano ottenuto un punteggio molto elevato ad un test che misurava il narcisismo e altri 22 soggetti che, al contrario, avevano ottenuto punteggi molto bassi, a partire da un campione di oltre 600 persone che avevano compilato il Narcissistic Personality Inventory.

Ai partecipanti inclusi nello studio sono state mostrate diverse immagini: di loro stessi, dei loro amici più cari e di persone straniere, il tutto mentre i ricercatori monitoravano la loro attività cerebrale attraverso la fMRI.

Pubblicità

Dal monitoraggio dell’attività cerebrale è emerso che, quando i soggetti fortemente narcisisti osservano la propria immagine provano sentimenti negativi e la loro elaborazione emozionale è conflittuale.

Più precisamente, è stato osservato un incremento dell’attivazione nella Corteccia Cingolata anteriore dorsale e ventrale, implicata nell’elaborazione di materiale auto – referenziale negativo.

Il principale risultato emerso è stato che il narcisista, inteso come colui che ha un ego spropositato, prova sentimenti negativi rispetto alla propria immagine e a sé stesso in generale, il che presuppone una certa ambiguità o comunque un conflitto rispetto all’immagine di sé.

Questo fenomeno è già noto ai terapeuti, ma probabilmente meno agli altri individui.

Con il loro studio, i ricercatori hanno cercato, dunque, di sensibilizzare i lettori al fatto che le persone narcisiste non sono individui “cattivi” ma che il loro è un modo, come altri, per esprimere conflitti interiori riguardanti credenze e sentimenti auto – rivolti.

Lo studio, per quanto interessante, presenta tuttavia una limitazione, ossia il numero troppo esiguo di partecipanti, per di più tutti uomini.

Per poter avvalorare maggiormente quanto scoperto, è necessario svolgere ulteriori studi che possano confermare quanto emerso e che possano mettere in evidenza anche le differenze fra i due sessi. La letteratura precedente, infatti, ha già evidenziato una differenza legata al genere: solitamente gli uomini tendono a mostrare maggiormente i loro sentimenti negativi rispetto alle donne.

 

Tratto da PsyPost

Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: narcisismo immagine di sè, narcisista;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni