Pubblicità

Il lato oscuro della felicità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 338 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La felicità può avere un lato oscuro? Di per sé, in apparenza no. Ma, secondo uno studio pubblicato su Psychological Science Perspectives, la felicità non è uguale a tutti i livelli e per tutti i tipi. E, la tanto agognata ricerca della felicità può trasformarsi un un’arma a doppio taglio, tanto da far sentire peggio, alla fine.
La prospettiva della dottoressa June Gruber della Yale University, così come riportata nell’articolo che ha scritto le colleghe Iris Mauss dell’Università di Denver e Maya Tamir della Hebrew University di Gerusalemme, è che la fissazione dell’obiettivo di trovare la felicità può ritorcersi contro la persona.

 

E, in questa lotta, si può uscirne sconfitti e peggio di quando si era iniziata la ricerca.
Certo, gli strumenti offerti dal mercato non mancano. Dai sedicenti guru della motivazione, ai corsi lampo full-immersion per ritrovare la felicità come in un fast-food ai libri miracolosi, tutto pare possa schiudere il segreto della felicità. La ricerca in sé non ha nulla di male, precisa la dottoressa Gruber, e gli strumenti spesso consigliati non sono necessariamente sbagliati.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni