Pubblicità

Il maltrattamento infantile porta a un uso problematico dei social

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2941 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

I giovani adulti che hanno subito abusi o trascuratezza durante l'infanzia hanno maggiori probabilità di mostrare segni di utilizzo problematico e compulsivo dei social media, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Psychiatry Research.

social maltrattamento"Attraverso il lavoro di sensibilizzazione presso le scuole superiori e la realizzazione di seminari universitari, ho avuto molte conversazioni informali con i giovani che discutono spesso di quanto sono 'attaccati' ai loro dispositivi", ha detto l'autrice dello studio Joanne D. Worsley dell' Università di Liverpool.

"Questo ha stimolato il mio interesse per l'utilizzo dei social media da parte dei giovani e ho voluto capire la psicologia dietro l'uso eccessivo dei social media. I giovani usano queste piattaforme per far fronte al disagio psicologico e dimenticare i loro problemi e questo mi intriga davvero. "

Pubblicità

Lo studio di 1.029 studenti universitari ha rilevato che i giovani adulti che hanno riportato più maltrattamento durante l'infanzia avevano maggiori probabilità di segnalare un uso problematico dei social media.

Studenti che avevano subito abusi fisici, abusi sessuali, abusi emotivi, abbandono emotivo e negligenza fisica da bambini tendevano anche a utilizzare i social media per dimenticare i problemi personali e avevano tentato di ridurre l'uso dei social media senza successo. Inoltre, erano più propensi a dire che usavano i social media così tanto da avere un impatto negativo su di loro.

I ricercatori hanno anche scoperto che il maltrattamento infantile era legato a livelli più elevati di ansia da attaccamento e sintomi depressivi, il che a sua volta prevedeva un uso più problematico dei social media.

"I nostri risultati suggeriscono che ambienti infantili abusivi e trascurati influenzano la capacità delle persone di formare relazioni mentre crescono, il che aumenta il loro rischio di depressione. Al fine di alleviare questo disagio psicologico, i giovani tendono a utilizzare i social media come strategia di coping, ma questo spesso si traduce in un uso eccessivo ", ha detto Worsley a PsyPost.

"È quindi probabile che un uso eccessivo dei social media sia un indicatore di altre cose che sono" fallite "all'inizio della vita di una persona, scatenando una cascata di problemi sociali e psicologici".

Ma lo studio ha alcune limitazioni.

"Poiché i nostri dati erano trasversali, ciò limita le inferenze sulla direzione causale dei meccanismi proposti. Ad esempio, potrebbe essere il caso che un uso eccessivo dei social media porti a problemi nella formazione di relazioni e sintomi di depressione ", ha spiegato Worsley.

"Tuttavia, la nostra chiave di lettura è che il maltrattamento infantile porta a un uso problematico dei social media da adolescenti e non l'opposto, in quanto gli eventi sono separati nel tempo. Penso che sia importante guardare ora alla relazione tra problemi di salute mentale e uso eccessivo dei social media usando un disegno longitudinale ".

"È importante ricordare che i sintomi auto-riferiti che valutano il comportamento non possono offrire evidenza di compromissione del livello clinico per giustificare termini quali" disturbo "o" dipendenza "," ha aggiunto Worsley.

"Data la crescente popolarità e la spinta motivazionale, le preoccupazioni sulle proprietà di dipendenza dei social media sono ragionevoli. Tuttavia, non sono io stesso, in questo momento, a credere che una delle attività di svago più popolari del nostro tempo dovrebbe essere patologizzata ".

Lo studio "Childhood maltreatment and problematic social media use: The role of attachment and depression" è stato scritto da Joanne D. Worsley, Jason C. McIntyre, Richard P. Bentall e Rhiannon Corcoran.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: infanzia news di psicologia social maltrattamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters

0
condivisioni