Pubblicità

Il meconio fetale può smascherare l’abuso di alcol

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 370 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’alcolismo è problema molto grave. Ed è anche peggio se riguarda una donna in stato di gravidanza. I rischi per il feto sono altissimi e anche dopo la nascita è necessario tenere sotto controllo sia mamma che bambino.
Come stabilire fare tuttavia a stabilire se una donna ha assunto alcol anche durante la dolce attesa? Grazie a un test, presente già da alcuni anni, che ha la capacità di misurare gli esteri etilici degli acidi grassi (FAEE) presenti nel meconio del nuovo nascituro.

 

 

 

Questo marcatore sembrerebbe particolarmente affidabile e permetterebbe di stabilire se c’è stata un’esposizione all’alcol durante il secondo e terzo trimestre del periodo gestazionale.
Lo studio è stato esteso anche in Italia utilizzando oltre i FAEE anche un nuovo biomarcatore denominato ETG o Ethylglucuronide. In questo modo si è anche potuto stabilire come l’esposizione fetale all’alcol sia un fenomeno particolarmente sottovalutato nelle città italiane.
«Quando l'alcol consumato dalla madre raggiunge il feto, forma FAEE – spiega Simona Pichini, scienziata senior presso l'Istituto Superiore di Sanità a Roma –

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni