Pubblicità

Il meconio fetale può smascherare l’abuso di alcol

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 338 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’alcolismo è problema molto grave. Ed è anche peggio se riguarda una donna in stato di gravidanza. I rischi per il feto sono altissimi e anche dopo la nascita è necessario tenere sotto controllo sia mamma che bambino.
Come stabilire fare tuttavia a stabilire se una donna ha assunto alcol anche durante la dolce attesa? Grazie a un test, presente già da alcuni anni, che ha la capacità di misurare gli esteri etilici degli acidi grassi (FAEE) presenti nel meconio del nuovo nascituro.

 

 

 

Questo marcatore sembrerebbe particolarmente affidabile e permetterebbe di stabilire se c’è stata un’esposizione all’alcol durante il secondo e terzo trimestre del periodo gestazionale.
Lo studio è stato esteso anche in Italia utilizzando oltre i FAEE anche un nuovo biomarcatore denominato ETG o Ethylglucuronide. In questo modo si è anche potuto stabilire come l’esposizione fetale all’alcol sia un fenomeno particolarmente sottovalutato nelle città italiane.
«Quando l'alcol consumato dalla madre raggiunge il feto, forma FAEE – spiega Simona Pichini, scienziata senior presso l'Istituto Superiore di Sanità a Roma –

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

News Letters

0
condivisioni