Pubblicità

Il modo in cui ci prendiamo cura dell'ambiente può avere conseguenze sociali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 490 volte

4 1 1 1 1 1 Votazione 4.00 (3 Voti)

Chiunque può esprimere il proprio impegno per l'ambiente attraverso sforzi individuali, ma alcuni comportamenti pro-ambientali o "green" possono essere visti come femminili o maschili, che, secondo i ricercatori del Penn State, potrebbero avere conseguenze sociali.

cura ambiente conseguenze sociali

In una serie di studi, i ricercatori hanno valutato dei comportamenti pro-ambientali specifici che ricerche precedenti avevano suggerito di essere considerati "femminili" o "maschili" e hanno esaminato se questi influivano sul modo in cui le persone venivano percepite.

Hanno scoperto che gli uomini e le donne avevano maggiori probabilità di mettere in discussione l'orientamento sessuale di un uomo se costui si fosse impegnato in comportamenti pro-ambientali "femminili", come l'uso di borse della spesa riutilizzabili. Era anche più probabile che mettessero in discussione l'orientamento sessuale di una donna se quest'ultima si fosse impegnata in comportamenti pro-ambientali "maschili", come isolare le finestre con un sigillante.

Inoltre, gli uomini avevano maggiori probabilità di evitare quelle donne interessate a comportamenti pro-ambientali "maschili".

Janet K. Swim, professoressa di psicologia, ha affermato che è importante comprendere queste conseguenze sociali perché possono trattenere le persone dall'impegnarsi in comportamenti che potrebbero in definitiva aiutare l'ambiente.

"Ci possono essere sottili conseguenze legate al genere quando ci impegniamo in vari comportamenti pro-ambientali," ha detto Swim. "Le persone possono evitare certi comportamenti perché stanno gestendo l'impressione che gli altri avranno di loro. O possono essere evitati se i comportamenti che scelgono non corrispondono al loro genere."

Secondo i ricercatori, l'ambientalismo in generale può essere visto come femminile perché si adatta al ruolo tradizionale delle donne come badanti. Tuttavia, particolari comportamenti pro-ambientali possono allinearsi con ruoli femminili o maschili tradizionali.

"I comportamenti non solo ci aiutano a realizzare qualcosa di concreto, ma segnalano anche qualcosa su chi siamo", ha detto Swim. "Stendere ad asciugare gli indumenti o mantenere le gomme alla giusta pressione può segnalare che ci preoccupiamo per l'ambiente, ma se tali comportamenti sono visti come di genere, possono segnalare anche altre cose."

In tre studi, con un totale di 960 partecipanti, i ricercatori hanno valutato le impressioni e l'evitamento di uomini e donne impegnati in comportamenti "femminili" e "maschili".

Durante i primi due studi, i partecipanti hanno letto i riassunti immaginari delle attività quotidiane di una persona, che includevano comportamenti pro-ambientali femminili, maschili o neutri. I partecipanti hanno quindi valutato se la persona avesse tratti maschili o femminili e hanno cercato di indovinare quale fosse l'orientamento sessuale della persona.

"Riflettendo la tendenza a vedere l'ambientalismo come femminile, tutte le persone sono state giudicate più femminili che maschili indipendentemente dai comportamenti che hanno avuto", ha detto Swim. Ha anche osservato che la tendenza era più forte quando le donne o gli uomini erano impegnati in comportamenti femminili.

Pubblicità

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti i cui comportamenti erano conformi al loro genere erano visti come più eterosessuali di quelli i cui comportamenti non erano conformi al loro genere, il che potrebbe suggerire ai partecipanti di utilizzare ruoli di genere tradizionali come indizi sull'identità sessuale.

Inoltre, i ricercatori hanno indicato che mentre i partecipanti non vedevano i non conformisti come gay o lesbiche, le loro valutazioni hanno suggerito che in media erano incerti circa la loro eterosessualità.

"Se essere visto come eterosessuale è importante per una persona, quella persona può dare la priorità alla conformità di genere rispetto ai comportamenti pro-ambientali non conformi al genere, in previsione di come gli altri potrebbero vederli", ha detto Swim.

I ricercatori hanno condotto un terzo studio per esaminare se le persone evitassero gli altri in base alle preferenze di comportamento pro-ambientale dell'altra persona. In una stanza con diverse altre persone, i partecipanti hanno completato un sondaggio digitale in cui hanno indicato quali argomenti ambientali avrebbero voluto discutere con un partner.

Ai partecipanti è stato poi fornito un elenco di ciò che essi ritenevano essere le preferenze tematiche di altri quattro partecipanti. L'elenco comprendeva una donna e un uomo che preferivano discutere di comportamenti conformi al proprio genere, nonchè una donna e un uomo che preferivano comportamenti non conformi al proprio genere. I partecipanti sono stati poi invitati a classificare con chi avrebbero preferito essere associati in ordine di preferenza.

I ricercatori hanno scoperto che le donne evitavano gli uomini più delle donne, così come le persone che erano interessate a comportamenti maschili piuttosto che femminili. Secondo i ricercatori, sebbene le preferenze dei partner delle donne mostrassero pregiudizi di genere, queste preferenze non sembravano basarsi sul fatto che altri comportamenti fossero conformi o meno ai ruoli di genere.

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini avevano maggiori probabilità di evitare le donne che avevano comportamenti maschili rispetto a qualsiasi degli altri tre potenziali partner. Erano ugualmente interessati a collaborare con donne che si impegnano in comportamenti femminili e uomini che si impegnano in comportamenti maschili o femminili.

I ricercatori hanno affermato che avevano maggiori probabilità di sperimentare conseguenze sociali negative da parte degli uomini se si impegnano in comportamenti pro-ambientali non conformi al ruolo di genere.

"Siamo rimasti sorpresi dal fatto che siano state solo le donne a sentirsi coinvolte in comportamenti non conformi nei ruoli di genere", ha affermato Swim. "Non possiamo dire perché questo accada, ma è una conseguenza sociale. Le donne potrebbero sperimentare questo feedback negativo e potrebbero non sapere il perché."

I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati sulla rivista Sex Roles. Lo studio sottolinea l'importanza di continuare a studiare gli stereotipi di genere che circondano l'ambientalismo e i suoi comportamenti associati. Coloro che stanno cercando di promuovere certi comportamenti ambientali, potrebbero tener conto di queste pressioni per adeguarsi ai ruoli di genere come possibili barriere.

In futuro, Swim ha detto che lei e i suoi colleghi ricercatori continueranno a studiare gli effetti dei comportamenti pro-ambientali, come ad esempio se o non adottare un certo comportamento.

La National Science Foundation ha contribuito a sostenere questa ricerca.

 

FONTE:

  • Janet K. Swim, Ashley J. Gillis, Kaitlynn J. Hamaty. Gender Bending and Gender Conformity: The Social Consequences of Engaging in Feminine and Masculine Pro-Environmental Behaviors. Sex Roles, 2019; DOI: 10.1007/s11199-019-01061-9

 

Articolo a cura del dottore Andrea di Maio

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: ambiente news di psicologia ruoli sociali,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni