Pubblicità

Il neurofeedback contro l'iperattività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 656 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Il disturbo da iperattività è caratterizzato da inquietudine, scarsa coordinazione e goffagine, impulsività, difficoltà nel mantenere l’attenzione focalizzata per periodi di tempo prolungati. Le recenti ricerche sull’argomento hanno mostrato come, nonostante gli interventi psicologici e farmacologici, siano possibili e diano risultati sui bambini nel 60% dei casi, non ci siano tuttavia ancora cure specifiche ottimali, come riferisce il prof. John Gruzelier dell’Imperial College di Londra. “La cura farmacologica è disponibile – dice il prof.Gruzelier – ma essa ha un reale effetto solo nella metà dei casi. I sintomi che si presentano in associazione a quelli propri della condizione di iperattività, infatti, sono molteplici e riguardano numerosi altri aspetti della vita quotidiana di questi soggetti, spesso bambini e ragazzi adolescenti, che finiscono per costituire un carico problematico e di difficile gestione; sono così possibili ulteriori problemi di addormentamento, cefalee, problemi collegati ad una crescita fisica regolare, alternanza dell’umore, etc..

Recentemente sono state proposte nuove tecniche terapeutiche conosciute come “neurofeedback”, che permette di osservare l’attività cerebrale tramite il video di un computer; in questo modo sono stati rilevati alcuni dati significativi dell’attività elettrica cerebrale dei soggetti con disturbo da iperattività, per esempio il fatto che sia presente in questi casi una percentuale maggiore di onde lente (4-8 Hz) ed una minore di onde corte (12-20 Hz) rispetto alla media. Questa applicazione mira a correggere lo squilibrio tra queste condizioni aiutando i bambini ad aumentare o diminuire l’attività cerebrale attraverso sollecitazione o momenti di riposo programmati.

“Come trattamento per il distrubo da iperattività il neurofeedback è uno strumento che può apportare benefici a lungo termine sia nella sfera cognitiva che comportamentale – dice il prof. Gruzelier – ma soprattutto è una tecnica non invasiva e si potrebbe ridurre in tal modo anche la dipendenza da farmaci utilizzati in questo disturbo, come il Ritalin”.

Tratto da:” New Research Into Adhd Treatment” - Health Media Ltd – Sept.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni