Pubblicità

Il neurofeedback contro l'iperattività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 703 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Il disturbo da iperattività è caratterizzato da inquietudine, scarsa coordinazione e goffagine, impulsività, difficoltà nel mantenere l’attenzione focalizzata per periodi di tempo prolungati. Le recenti ricerche sull’argomento hanno mostrato come, nonostante gli interventi psicologici e farmacologici, siano possibili e diano risultati sui bambini nel 60% dei casi, non ci siano tuttavia ancora cure specifiche ottimali, come riferisce il prof. John Gruzelier dell’Imperial College di Londra. “La cura farmacologica è disponibile – dice il prof.Gruzelier – ma essa ha un reale effetto solo nella metà dei casi. I sintomi che si presentano in associazione a quelli propri della condizione di iperattività, infatti, sono molteplici e riguardano numerosi altri aspetti della vita quotidiana di questi soggetti, spesso bambini e ragazzi adolescenti, che finiscono per costituire un carico problematico e di difficile gestione; sono così possibili ulteriori problemi di addormentamento, cefalee, problemi collegati ad una crescita fisica regolare, alternanza dell’umore, etc..

Recentemente sono state proposte nuove tecniche terapeutiche conosciute come “neurofeedback”, che permette di osservare l’attività cerebrale tramite il video di un computer; in questo modo sono stati rilevati alcuni dati significativi dell’attività elettrica cerebrale dei soggetti con disturbo da iperattività, per esempio il fatto che sia presente in questi casi una percentuale maggiore di onde lente (4-8 Hz) ed una minore di onde corte (12-20 Hz) rispetto alla media. Questa applicazione mira a correggere lo squilibrio tra queste condizioni aiutando i bambini ad aumentare o diminuire l’attività cerebrale attraverso sollecitazione o momenti di riposo programmati.

“Come trattamento per il distrubo da iperattività il neurofeedback è uno strumento che può apportare benefici a lungo termine sia nella sfera cognitiva che comportamentale – dice il prof. Gruzelier – ma soprattutto è una tecnica non invasiva e si potrebbe ridurre in tal modo anche la dipendenza da farmaci utilizzati in questo disturbo, come il Ritalin”.

Tratto da:” New Research Into Adhd Treatment” - Health Media Ltd – Sept.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni