Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il neurofeedback contro l'iperattività

on . Postato in News di psicologia | Letto 304 volte

Il disturbo da iperattività è caratterizzato da inquietudine, scarsa coordinazione e goffagine, impulsività, difficoltà nel mantenere l’attenzione focalizzata per periodi di tempo prolungati. Le recenti ricerche sull’argomento hanno mostrato come, nonostante gli interventi psicologici e farmacologici, siano possibili e diano risultati sui bambini nel 60% dei casi, non ci siano tuttavia ancora cure specifiche ottimali, come riferisce il prof. John Gruzelier dell’Imperial College di Londra. “La cura farmacologica è disponibile – dice il prof.Gruzelier – ma essa ha un reale effetto solo nella metà dei casi. I sintomi che si presentano in associazione a quelli propri della condizione di iperattività, infatti, sono molteplici e riguardano numerosi altri aspetti della vita quotidiana di questi soggetti, spesso bambini e ragazzi adolescenti, che finiscono per costituire un carico problematico e di difficile gestione; sono così possibili ulteriori problemi di addormentamento, cefalee, problemi collegati ad una crescita fisica regolare, alternanza dell’umore, etc..

Recentemente sono state proposte nuove tecniche terapeutiche conosciute come “neurofeedback”, che permette di osservare l’attività cerebrale tramite il video di un computer; in questo modo sono stati rilevati alcuni dati significativi dell’attività elettrica cerebrale dei soggetti con disturbo da iperattività, per esempio il fatto che sia presente in questi casi una percentuale maggiore di onde lente (4-8 Hz) ed una minore di onde corte (12-20 Hz) rispetto alla media. Questa applicazione mira a correggere lo squilibrio tra queste condizioni aiutando i bambini ad aumentare o diminuire l’attività cerebrale attraverso sollecitazione o momenti di riposo programmati.

“Come trattamento per il distrubo da iperattività il neurofeedback è uno strumento che può apportare benefici a lungo termine sia nella sfera cognitiva che comportamentale – dice il prof. Gruzelier – ma soprattutto è una tecnica non invasiva e si potrebbe ridurre in tal modo anche la dipendenza da farmaci utilizzati in questo disturbo, come il Ritalin”.

Tratto da:” New Research Into Adhd Treatment” - Health Media Ltd – Sept.02

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters