Pubblicità

Il peso corporeo ha un impatto allarmante sulla funzione cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 340 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Un BMI più elevato è legato alla diminuzione del flusso sanguigno cerebrale, che è associato ad un aumento del rischio di malattia di Alzheimer e malattie mentali.

Il peso corporeo ha un impatto e allarmante sulla funzione cerebrale

Quando il peso di una persona aumenta, tutte le regioni del cervello diminuiscono di attività e flusso sanguigno, secondo un nuovo studio di imaging cerebrale.


Quando il peso di una persona aumenta, tutte le regioni del cervello diminuiscono di attività e flusso sanguigno, secondo un nuovo studio di imaging cerebrale nel Journal of Alzheimer's Disease.

Uno dei più grandi studi che collegano l'obesità alla disfunzione cerebrale, gli scienziati hanno analizzato oltre 35.000 scansioni di neuroimaging funzionale utilizzando la tomografia computerizzata a emissione di fotone singolo (SPECT) da oltre 17.000 individui per misurare il flusso sanguigno e l'attività cerebrale.

Un flusso sanguigno cerebrale basso è il predittore n. 1 di imaging cerebrale che una persona svilupperà la malattia di Alzheimer. È anche associato a depressione, ADHD, disturbo bipolare, schizofrenia, lesioni cerebrali traumatiche, dipendenza, suicidio e altre condizioni.

"Questo studio mostra che essere in sovrappeso o obesi influisce seriamente sull'attività cerebrale e aumenta il rischio di malattia di Alzheimer e molte altre condizioni psichiatriche e cognitive", ha spiegato Daniel G. Amen, MD, autore principale dello studio e fondatore di Amen Clinics, uno delle principali cliniche di salute mentale centrate sul cervello negli Stati Uniti.

Schemi sorprendenti di flusso sanguigno progressivamente ridotto sono stati trovati praticamente in tutte le regioni del cervello tra le categorie di sottopeso, peso normale, sovrappeso, obesità e obesità patologica.

Questi sono stati notati mentre i partecipanti erano in uno stato di riposo e durante l'esecuzione di un compito di concentrazione.

In particolare, le aree cerebrali note per essere vulnerabili al morbo di Alzheimer, i lobi temporali e parietali, l'ippocampo, il giro cingolato posteriore e il precuneo, hanno dimostrato di avere un flusso sanguigno ridotto lungo lo spettro della classificazione del peso da peso normale a sovrappeso, obeso e patologicamente obesi.

Considerando le ultime statistiche che mostrano che il 72% degli americani è in sovrappeso di cui il 42% è obeso, questa è una notizia preoccupante per la salute mentale e cognitiva dell'America.

 

Pubblicità


Commentando questo studio, George Perry, PhD, Editor-in-Chief del Journal of Alzheimer's Disease e Semmes Foundation Distinguished University Chair in Neurobiology presso l'Università del Texas a San Antonio, ha dichiarato: "Accettare che la malattia di Alzheimer è una malattia dello stile di vita, poco diversa da altre malattie legate all'età, che è la somma della vita, è la svolta più importante del decennio. Il dottor Amen e collaboratori forniscono prove convincenti che l'obesità altera l'afflusso di sangue al cervello riducendo il cervello e promuovendo la malattia di Alzheimer. Questo è un progresso importante perché dimostra direttamente come il cervello risponde al nostro corpo ".

Questo studio evidenzia la necessità di affrontare l'obesità come obiettivo per interventi volti a migliorare la funzione cerebrale, siano essi iniziative di prevenzione della malattia di Alzheimer o tentativi di ottimizzare la cognizione nelle popolazioni più giovani.

Tale lavoro sarà fondamentale per migliorare i risultati in tutte le fasce d'età.

Sebbene i risultati di questo studio siano profondamente preoccupanti, c'è speranza.

Il dottor Amen ha aggiunto: "Una delle lezioni più importanti che abbiamo imparato in 30 anni di esecuzione di studi di imaging cerebrale funzionale è che il cervello può essere migliorato quando lo metti in un ambiente curativo adottando abitudini salutari per il cervello, come una dieta intelligente e regolare esercizio fisico. "

 

Reference:

Daniel G. Amen, Joseph Wu, Noble George, Andrew Newberg. Patterns of Regional Cerebral Blood Flow as a Function of Obesity in Adults. Journal of Alzheimer's Disease, 2020; 1 DOI: 10.3233/JAD-200655

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Per saperne di più

Corpo e Depressione

Corpo e depressione. Piccolo viaggio nella psicosomatica e nelle ricerche psicologiche e psicoanalitiche Questo lavoro tratterà il tema “depressione” attraverso il modello di riferimento analitico...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni