Pubblicità

Il primo studio mondiale collega l'obesità con una ridotta plasticità cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 409 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

lo studio per la prima volta ha scoperto che le persone  obese hanno meno probabilità di riuscire a ricablare il cervello e trovare nuovi percorsi neurali.

 Il primo studio mondiale collega lobesità con una ridotta plasticità cerebrale

In un nuovo articolo pubblicato su Brain Sciences, i ricercatori di UniSA e Deakin University mostrano che la plasticità cerebrale è compromessa nelle persone obese, rendendo meno probabile che possano imparare nuovi compiti o ricordare cose. Una scoperta che ha implicazioni significative per le persone che si stanno riprendendo da un ictus o da una lesione cerebrale.

Utilizzando una serie di esperimenti che coinvolgono la stimolazione magnetica transcranica, i ricercatori hanno testato 15 persone obese di età compresa tra i 18 ei 60 anni, confrontandole con 15 persone in un gruppo di controllo del peso sano.

Impulsi ripetuti di stimolazione elettrica sono stati applicati al cervello per vedere con quanta forza rispondeva.

Il gruppo di controllo del peso sano ha registrato una significativa attività neurale in risposta alla stimolazione, suggerendo una normale risposta di plasticità cerebrale.

Al contrario, la risposta nel gruppo obeso è stata minima, suggerendo che la sua capacità di cambiare era compromessa.
Il ricercatore di UniSA, il dottor Brenton Hordacre, afferma che i risultati forniscono la prima prova fisiologica di un legame tra obesità e ridotta plasticità cerebrale.

L'obesità si basa sull'indice di massa corporea (BMI) che calcola il rapporto tra altezza e peso per determinare il grasso corporeo. Un adulto che ha un BMI compreso tra 25 e 29,9 è considerato sovrappeso. Qualunque cosa al di sopra è obesa.

Pubblicità

"L'obesità è già associata a una serie di effetti negativi sulla salute, tra cui un rischio più elevato di malattie cardiovascolari, disturbi metabolici e demenza", afferma il dott. Hordacre.

"Per la prima volta, abbiamo scoperto che l'obesità era associata a una funzione cerebrale compromessa, aggiungendo ulteriore supporto alla necessità di affrontare l'epidemia di obesità".

"Un numero crescente di persone è obeso - 650 milioni secondo l'Organizzazione mondiale della sanità - il che non solo ha conseguenze sulla salute, ma rappresenta un grave onere finanziario per i sistemi sanitari globali", afferma.

"Questi nuovi risultati suggeriscono che la perdita di peso è particolarmente importante per un sano invecchiamento cerebrale o per il recupero nelle persone che soffrono di ictus o lesioni cerebrali, dove l'apprendimento è fondamentale per il recupero".

L'ictus è la terza causa di morte più comune in Australia e la principale causa di disabilità, che colpisce la parola, la cognizione e la memoria.

La capacità del cervello di trovare nuovi percorsi è fondamentale per il recupero, afferma il dottor Hordacre.

In tutto il mondo, ogni anno 15 milioni di persone subiscono ictus, un terzo delle quali muore.

 

Reference:

Sophia X. Sui, Michael C. Ridding, Brenton Hordacre. Obesity is Associated with Reduced Plasticity of the Human Motor Cortex. Brain Sciences, 2020; 10 (9): 579 DOI: 10.3390/brainsci10090579

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 
 
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni