Pubblicità

Il "Progetto EVO" può aiutare i bambini con ASD e ADHD?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 243 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori hanno valutato uno strumento di medicina digitale, creato per il trattamento di bambini con disturbo dello specchio autistico (ASD) e per bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD).

bambini ADHD autismo

I risultati dello studio, pubblicati sul Giornale dell'Autismo e dei Disturbi dello Sviluppo, hanno confermato la validità e l'affidabilità del "Progetto Evo", il quale emette degli stimoli motori e sensoriali attraverso un'esperienza in un videogioco di azione.

Il "Progetto Evo" è stato sviluppato da "Akili Interactive", una compagnia di medicina digitale. Circa il 50% dei bambini con ASD ha sintomi di ADHD, con grosso modo il 30% riceventi una seconda diagnosi di ADHD. Comunque, i trattamenti per l'ADHD sono meno efficaci in bambini con diagnosi di entrambi i disturbi rispetto a quelli con diagnosi specifica di ADHD. I bambini con entrambi i disturbi sono anche ad alto rischio di deficit nelle funzioni cognitive, inclusa l'abilità di mantenere l'attenzione nel focalizzarsi sull'obiettivo ignorando le distrazioni.

"Il nostro studio ha mostrato che i bambini avevano effettuato il trattamento del "Progetto EVO" per il periodo necessario di tempo e sia i genitori sia i bambini riportavano alti punteggi di soddisfazione del trattamento. Basandoci sui risultati promettenti dello studio, noi abbiamo continuato a valutare il potenziale del "Progetto EVO" come opzioni di un nuovo trattamento per i bambini con ASD e ADHD" ha spiegato Benjamin Yerys, Ph.D, psicologo dello sviluppo al Centro di Ricerca sull'Autismo (CAR) al CHOP e primo autore dello studio.

Pubblicità

Lo studio di validità è stato condotto da un team di ricercatori del CAR in collaborazione con Akili. Lo studio includeva 19 bambini dai 9 ai 13 anni, con diagnosi di ASD ed ADHD. Ai partecipanti dello studio veniva presentato il "Progetto EVO" come trattamento e alcuni facevano il videogioco di azione, altri un'attività educativa coinvolgente il riconoscimento di schemi. La misura delle risposte principali sull'efficacia era la TOVA API, una misura obiettiva dell'attenzione.

Le misure delle risposte secondarie erano le risposte dei genitori sul miglioramento dei sintomi dei bambini e sull'abilità dei bambini di pianificare e completare i compiti, infine venivano anche valutati i risultati di una batteria di test cognitivi che valutavano la memoria di lavoro. Lo studio ha mostrato che chi aderiva al trattamento, lo effettuava per il 95% o più del tempo raccomandato (un risultato confortante dato che i bambini con ASD e ADHD solitamente non completano più del 50% di un compito).

Sia i genitori che i bambini hanno riportato che il trattamento aveva migliorato l'abilità dei bambini di prestare attenzione e veniva valutato come un trattamento proficuo. La studio ha anche mostrato che dopo l'utilizzo del "Progetto EVO", i bambini mostravano un aumento di punteggi nell'attenzione nel TOVA API e un generale miglioramento dei sintomi ADHD (questo dato è stato riportato dai genitori stessi). Il team di ricerca sta pianificando uno studio follow-up con una durata maggiore e su un campione maggiore per continuare a valutare l'efficacia potenziale del "Progetto EVO" come trattamento efficace dei sintomi di ADHD e ASD nei bambini.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: video games autismo news di psicologia ASD ADH Progetto EVO medicina digitale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni