Pubblicità

Il ritmo delle parole è nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 454 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Scoperta l'area cerebrale che permette di percepirlo. La capacità di parlare una lingua dipende fortemente da quella di sentirne il ritmo. Oggi un nuovo studio pubblicato su Nature Neuroscience svela qual è l'area del cervello in grado di percepirlo: si tratta del solco temporale superiore, l'unica fra le aree cerebrali coinvolte nel processamento ad essere sensibile al ritmo delle parole ascoltate.

La scoperta è frutto del lavoro di un gruppo di ricercatori guidato da Tobias Overath della Duke University di Durham e da Josh McDermott del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge, negli Stati Uniti. Partendo dall'osservazione che i suoni percepiti dal cervello possono avere lunghezze molto diverse e che per comprendere un linguaggio il cervello deve integrare rapidamente tali suoni di lunghezza molto differente, gli autori dello studio hanno pensato di analizzare l'attivazione cerebrale in risposta all'ascolto di suoni ottenuti cucendo fra loro frammenti di parole di lunghezza diversa.

 

Tratto da: salute24.ilsole24ore.com- Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni