Pubblicità

Il ruolo dello stress paterno durante lo sviluppo infantile

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1001 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo stress paterno ha un effetto nocivo sullo sviluppo cognitivo e linguistico dei bambini

stress paterno.0Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Early Childhood Research Quarterly ha rivelato come la figura paterna giochi un ruolo importante per lo sviluppo del bambino, a partire dal linguaggio fino all’acquisizione di abilità cognitive e sociali.

Questa idea di ricerca è nata in quanto molto spesso vige lo stereotipo che i papà in realtà non hanno effetti diretti sui loro figli e che sono esclusivamente le mamme ad influenzare lo sviluppo di questi ultimi.

I ricercatori hanno pertanto utilizzato dei dati appartenenti a circa 730 famiglie che hanno partecipato ad un sondaggio dell’Early Head Start, studiando gli effetti dello stress genitoriale e i problemi di salute mentale come la depressione, sullo sviluppo dei figli.

Sia lo stress genitoriale che lo stato di salute mentale influenzano le modalità di interazione dei genitori con i loro figli e, successivamente, lo sviluppo infantile.

Lo studio ha riscontrato che lo stress paterno ha un effetto nocivo sullo sviluppo cognitivo e linguistico dei bambini con un’età di 2-3 anni, anche quando, in concomitanza, sono state indagate le conseguenze dello stress materno.

L’impatto dello stress paterno varia però in base al genere; si è infatti osservato che questo ha un effetto maggiore sullo sviluppo linguistico dei figli maschi rispetto alle femmine.

Lo stress paterno è altresì correlato a problemi di comportamento nei figli; questo ha un effetto a lungo termine, con conseguenti differenze nelle abilità sociali dei bambini, come la cooperazione e l’autocontrollo.

La depressione paterna, quando i bambini sono molto piccoli, esercita una maggiore influenza negativa sullo sviluppo di abilità sociali successive rispetto alla depressione materna.

I ricercatori sottolineano come sia strettamente necessario, in virtù di questi risultati che sono in linea con quelli riscontrati in altre ricerche, includere sia padri che madri nei programmi di genitorialità, così come nelle politiche di ricerca e nei programmi di intervento sulla famiglia.

È importante pensare a come lo stress o la depressione possa influenzare i bambini e, al fine di aiutarli nel loro sviluppo, questi devono possedere una visione completa di tutta la famiglia in cui siano presenti sia madre che padre.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sviluppo linguistico cooperazione abilità sociali stress paterno sviluppo infantile problemi comportamentali auto-controllo politche di ricerca interventi sulla famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni