Pubblicità

Il segreto del successo di una dieta: l’immagine di sé

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 670 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Spesso quando si segue un programma di dimagrimento ci si arena e non si riesce a proseguire, oppure non si riescono a ottenere i risultati desiderati. Oltre alla costanza e alle possibilità intrinseche di ognuno, entra anche in gioco l’immagine che si ha di se stessi.
Sono un team di ricercatori dell’Università Tecnica di Lisbona (Spagna), coordinati dal dottor Pedro J. Teixeira, e quelli dell’Università di Bangor (Uk) ad aver scoperto che l’immagine del proprio corpo ha il “suo peso” nella buona riuscita di un programma di dimagrimento.

 

 

«Problemi riguardo l’immagine del corpo sono molto comuni tra le persone in sovrappeso e gli obesi, che spesso portano a modificare il comfort e le abitudini alimentari che diventano più rigide, e sono degli ostacoli per perdere peso. I nostri risultati hanno mostrato una forte correlazione tra il miglioramento della immagine corporea, soprattutto nel ridurre l’ansia riguardo alle opinioni degli altri, e cambiamenti positivi nel comportamento alimentare», spiega Teixeira.
I ricercatori, per questo studio i cui risultati sono stati pubblicati sull’International Journal of Behavioural Nutrition and Physical Activity, hanno arruolato un gruppo di donne in sovrappeso od obese e le hanno sottoposte a un programma di perdita di peso per un anno.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vien...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni