Pubblicità

Il Senso della vita e il sessismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 845 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le credenze degli esseri umani sono differenti da quelle animali, poiché si basano su atteggiamenti sessisti verso le donne.

sessismoGli psicologi hanno scoperto che il desiderio di percepire gli esseri umani differenti da altri animali è legato alla approvazione di credenze sessiste.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Femminismo & Psychology, ha intervistato 148 studenti maschi universitari sulle loro credenze sulle donne, senso della vita, e il rapporto tra esseri umani e animali.

Quanto più gli studenti credevano che gli esseri umani erano superiori rispetto agli altri animali, tanto più emergevano atteggiamenti sessisti sulle donne. Gli studenti che hanno creduto in una maggiore diversità tra mondo animale-umano, mostravano molta più convinzione nel credere che la loro vita fosse significativa.

PsyPost ha intervistato Christina Roylance della North Dakota State University. Leggi di seguito le sue risposte:

PsyPost: Perché eri interessato a questo argomento?

Roylance: Questo argomento rappresenta un’integrazione tra le mie due aree principali di interesse esistenziale, la psicologia e le questioni relative alla discriminazione sessuale e l'oggettivazione delle donne.

Sono interessata a capire come e perché le persone sono motivate a trovare e mantenere un significato della propria vita. Spesso, i percorsi delle persone per perseguire un significato non sono sempre positivi o sani. D'altra parte, sono molto interessata a quello che potrebbe motivare le persone a mantenere un punto di vista dispregiativo nei confronti delle donne. Credo che il terrore di questa prospettiva possa fornire le risposte a entrambe le domande. L'idea è che gli attuali atteggiamenti tra uomo-animale non sono legati al senso della vita, ma sono ispirati a questo quadro di terrore sul sessismo.

Quale dovrebbe essere la persona da escludere per il vostro studio?

Il costrutto di base è che gli atteggiamenti riguardanti l'unicità umana e la superiorità sembrano essere associati con il senso della vita, così come il sessismo, almeno tra gli uomini. Ciò indica che questi atteggiamenti possono contribuire a dare un significato all’esistenza (la sensazione che siamo superiori come specie è sicuramente indicativa), ma può anche contribuire a creare atteggiamenti sprezzanti nei confronti delle donne. Una comprensione della TMT può aiutare a capire come questi atteggiamenti apparentemente non correlati contribuiscono in entrambi i risultati.

In sostanza, l'idea che si sviluppa è che i corpi delle donne siano minatori alla nostra ricerca per capire il significato della vita e della morte, perché il loro ruolo nella riproduzione ci ricorda la nostra connessione con l'animalità e la nostra natura corporea mortale. Pertanto, essendo l’uomo più attaccato alla nozione di carattere distintivo umano, questo potrebbe presumibilmente portare ad atteggiamenti negativi nei confronti delle donne, benché conferisca anche dei significativi vantaggi.

Ci sono importanti avvertimenti? Quali domande devono ancora essere affrontate?

Sarebbe molto interessante vedere se questo effetto si ripete tra le donne. Mi sono concentrata sugli uomini in questo studio, perché, ovviamente, gli uomini tendono ad essere più sessisti. Sarebbe facile nella peculiarità umana avere atteggiamenti più sessisti tra le donne? Può una donna individuare il contenuto di questi atteggiamenti, nonostante il fatto che potrebbe aver interiorizzato nozioni di sessismo, oppure di odio auto-diretto?

Lo studio, "Io non sono un animale, ma io sono un sessista: carattere distintivo umano, atteggiamenti sessisti nei confronti delle donne, e la percezione di senso della vita", è stato co-scritto da Andrew A. Abeyta e Clay Routledge.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: credenze maschili diversità, sessismo mondo animale discriminazione sessuale oggettivazione delle donne superiorità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni