Pubblicità

Il Sex Appeal dell’intelligenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1030 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Gli studi sulla sapiosessualità suggeriscono che alcune persone sono attratte sessualmente dall'intelligenza.

intelligenzaUna minoranza di persone è effettivamente attratta dall'intelligenza, secondo una nuova ricerca psicologica.

Lo studio, recentemente pubblicato online sulla rivista scientifica Intelligence, ha rilevato che molte persone desiderano un partner che sia intelligente. Inoltre, una piccola percentuale di loro ha anche riferito di essere stata specificamente sessualmente eccitata dall'intelligenza.

"Molti studi hanno dimostrato che ‘l’intelligenza’ è una caratteristica molto frequente nella ricerca e scelta di un partner”, tuttavia sono emersi molteplici dubbi riguardanti ciò, ossia se le persone preferiscano sinceramente un livello molto alto di intelligenza in un partner o meno; come riferito da Gilles Gignac, docente presso l' University of Western Australia.

Il quale ha successivamente affermato che nelle recenti ricerche sarebbe stato necessario indagare ulteriormente tale tematica per meglio comprendere quale livello di intelligenza le persone, in media, le persone preferiscono che i loro partner possiedano (“alta, medio, bassa…?”).

"Il significato corrispondente della parola 'sapiosessuale', è quello relativo ad una persona che trova alti livelli di intelligenza la caratteristica sessualmente più attraente in un partner", ha affermato Gignac. La parola sapiosessuale è stata spesso utilizzata nella cultura popolare, ma non è ancora stata approfondita abbastanza e sopratutto indagata scientificamente. Di conseguenza, alcuni ricercatori, attualmente, si sono chiesti se la sapiosessualità potesse essere misurata con una scala psicometrica convenzionale e quanti ‘sapiosessuali’ potessero esserci effettivamente in una popolazione.

Pubblicità

Per tale studio, Gignac ed i suoi colleghi decisero di intervistare 383 adulti chiedendo loro quali erano le caratteristiche che più apprezzavano in un “partner romantico” ed anche quanto si sentissero attratti da persone con livelli di intelligenza variabili.

“L’intelligenza” era la seconda caratteristica maggiormente richiesta per quanto riguarda la scelta di un partner, preceduta solo da "gentilezza/comprensione". Il terzo e il quarto dei tratti più apprezzati facevano rispettivamente riferimento a una "personalità eccitante" ed all’ "amicalità".

I ricercatori scoprirono, inoltre, che i soggetti, partecipanti allo studio, tendevano classificare le persone con un'intelligenza superiore più attraenti. Ma tali risultati sembravano essere soggetti ad un “ceiling effect” o quello che più comunemente in psicologia si chiama effetto tetto.

"Abbiamo scoperto che l'associazione tra la desiderabilità di un potenziale partner e il QI del potenziale partner segue un andamento curvilineo: “si è potuto, infatti, osservare un passaggio da un QI di 120 (corrispondente al 90 ° percentile) ad un QI di 135 (ossia al 99 ° percentile)", ha riferito Gignac.

In altre parole, le persone erano più attratte da un potenziale partner più intelligente del 90% della popolazione. Tuttavia si è potuto riscontrare anche che i potenziali partner più intelligenti rispetto al 99% della popolazione tendevano essere considerati leggermente meno attraenti come partner. (Ma in ogni caso erano comunque considerati più attraenti di qualcuno che era più intelligente solo del 50% della popolazione).

I ricercatori hanno anche sviluppato una misura della sapiosessualità chiedendo ai partecipanti quanto fossero d'accordo o in disaccordo con affermazioni del tipo: "Ascoltare qualcuno che parla in modo molto intelligente mi eccita sessualmente" o "Mi eccita sessualmente avere una conversazione intellettualmente stimolante con un potenziale partner. ”

Inoltre, in tale studio i ricercatori hanno deciso di utilizzare quattro test cognitivi per esaminare l'intelligenza dei partecipanti stessi.

Dai risultati della ricerca è emerso che la “sapiosessualità” può essere misurata psicometricamente; si è inoltre scoperto che tra l'1% e l'8% della popolazione, appartenente alla fascia di età tra i 18 e i 35 anni, è risultata dichiararsi come sapiosessuale. E’ tuttavia, interessante notare come “l’intelligenza di una persona non sembra predire il grado in cui le persone si identificano come sapiosessuali ", ha spiegato Gignac.

Come tutte le ricerche, anche questo studio aveva alcune limitazioni.

"Per quanto riguarda l'esame dei 'predittori della sapiosessualità', lo studio non ha incluso persone con livelli di intelligenza inferiori alla media (cioè con QI <100)", ha affermato Gignac. "Di conseguenza, potrebbe ancora emergere una relazione tra il QI reale ed il grado in cui le persone si identificano con l'essere individui sapiosessuali”.

"Inoltre, resta ancora da stabilire se l'intelligenza sia davvero l'unica caratteristica relativa alla desiderabilità, nella ricerca e scelta di un partner che raggiunge il 90 ° percentile. E dunque sarebbe opportuno valutare anche tutti le altre tipologie di ‘caratteristiche di accoppiamento desiderabili’ (bell'aspetto, gentilezza, disinvoltura, ecc.) in un possibile partner.”

Lo studio, “Some people are attracted sexually to intelligence: A psychometric evaluation of sapiosexuality”  è stato scritto da Joey Darbyshire e Michelle Ooi.

 


Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: intelligenza partner news di psicologia sapiosessualità;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

News Letters

0
condivisioni