Pubblicità

Il tempo trascorso sullo schermo (screen time) non ha impatto sugli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 144 volte

4.75 1 1 1 1 1 Votazione 4.75 (4 Voti)

I dati di oltre 17.000 adolescenti mostrano poche prove di una correlazione tra il tempo trascorso sullo schermo (screen time) e il benessere negli adolescenti

screen time

Lo studio, pubblicato su Psychological Science, una rivista dell'Association for Psychological Science, mette in dubbio il concetto ampiamente accettato secondo cui passare il tempo online, giocare o guardare la TV, specialmente prima di andare a dormire, può danneggiare la salute mentale dei giovani.

"Implementando le migliori pratiche tecniche statistiche e metodologiche abbiamo trovato poche prove per le associazioni negative significative tra l'impegno dello "screen" e benessere degli adolescenti", ha affermato Amy Orben, ricercatrice presso l'Oxford Internet Institute (OII) e docente universitario al Queen's College, Università di Oxford.

"Mentre la scienza psicologica può essere un potente strumento per comprendere il legame tra l'uso dello "screen" e il benessere degli adolescenti, continua a non fornire sistematicamente le parti interessate e il pubblico con indagini di alta qualità, trasparenti e obiettive a preoccupazioni crescenti sulle tecnologie digitali. tre diversi set di dati, che includono misurazioni migliorate del tempo dello schermo, abbiamo trovato poche prove evidenti che il tempo sullo schermo diminuisce il benessere degli adolescenti, anche se l'uso della tecnologia digitale avviene direttamente prima di coricarsi", hanno affermato il professor Andrew Przybylski, direttore della ricerca  di OII e il coautore dello studio.

Pubblicità

La ricerca ha rilevato che il tempo di "screen" totale degli adolescenti al giorno ha avuto un impatto minimo sulla loro salute mentale, sia nei fine settimana che nei giorni feriali. Ha anche rilevato che l'uso di schermi digitali 2 ore, 1 ora o 30 minuti prima di andare a dormire non ha avuto chiari collegamenti con il calo del benessere degli adolescenti, anche se questo è spesso considerato come un dato di fatto dai resoconti dei media e dai dibattiti pubblici. A differenza di altri studi, la ricerca di Oxford ha analizzato i dati di Irlanda, Stati Uniti e Regno Unito a sostegno delle sue conclusioni.

I ricercatori hanno utilizzato una metodologia rigorosa per raccogliere quanto tempo un adolescente trascorre sugli schermi al giorno, comprese le misure autorizzate e i diari dell'uso del tempo. Questo è importante in quanto molti studi si basano esclusivamente sull'uso della tecnologia digitale auto-segnalato, anche se il lavoro recente ha rilevato che solo un terzo dei partecipanti fornisce un resoconto accurato di quanto tempo passano online quando gli viene chiesto a posteriori.

I ricercatori sono stati anche in grado di creare un quadro completo del benessere dei ragazzi, esaminando le misure del funzionamento psicosociale, i sintomi della depressione, l'autostima e l'umore, con i dati forniti dai giovani. Inoltre, il finale dei tre studi condotti è stato preregistrato, il che significa che i ricercatori hanno documentato pubblicamente le analisi che avrebbero eseguito prima di analizzare i dati. Questo impedisce di "fare ipotesi" dopo che i risultati sono noti, una sfida per argomenti di ricerca controversi.

"Poiché le tecnologie sono incorporate nella nostra vita sociale e professionale, la ricerca sull'uso dello schermo digitale e i suoi effetti sul benessere degli adolescenti sono sottoposti a un controllo crescente", ha affermato Orben. "Per mantenere l'influenza e la fiducia, le pratiche di ricerca solide e trasparenti dovranno diventare la norma, non l'eccezione, speriamo che il nostro approccio stabilisca una nuova base per nuove ricerche sullo studio psicologico della tecnologia", ha aggiunto Przybylski.

Pubblicità

Questi approfondimenti arrivano pochi giorni prima del previsto rilascio del nuovo White Paper del governo britannico su Online Harms, che dovrebbe stabilire piani legislativi per le società di social media. Questo nuovo studio si basa su precedenti lavori di Orben e Przybylski che hanno utilizzato approcci statistici nuovi e trasparenti per dimostrare che l'uso della tecnologia ha una minuscola influenza sul benessere degli adolescenti.

Lo studio ha utilizzato dati dall'Irlanda, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. In Irlanda, ha riguardato 5.363 giovani tracciati nell'ambito del progetto Growing Up in Ireland. Negli Stati Uniti, i dati hanno riguardato 709 soggetti di una varietà di età compilati dallo United States Panel Study of Income Dynamics. E nel Regno Unito, il set di dati includeva le risposte di 11.884 adolescenti.

 

Articolo riadattato dalla Dottoressa Arianna Patriarca

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: adolescenti interventi rivolti agli adolescenti screen screen time

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters

0
condivisioni