Pubblicità

Il Test video sviluppato alla Cornell University identifica i bambini in giovane età che potrebbero essere testimoni non

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 345 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Centinaia di migliaia dei bambini in giovane età sono intervistati come testimoni oculari ogni anno negli Stati Uniti, ma la loro testimonianza a volte può essere influenzata dai loro intervistatori. Ora un nuovo test sviluppato all'Università di Cornell può identificare attendibilmente i bambini che hanno una tendenza cambiare la loro testimonianza in risposta alle domande principali o alle risposte negative o, in generale, di fronte al diverso atteggiamento dell’esaminatore. Il test, che consiste nel guardare un video e poi rispondere alle domande poste dall’interrogante, è stato validato scientificamente per i bambini di almeno 4 anni e mezzo, afferma Stephen J. Ceci, professore di Psicologia dello Sviluppo alla Cornell, e valuta varie funzioni relative alla suggestionabilità così come le diverse differenze fra i bambini.

“Noi speriamo che questa Video Suggestibility Scale for Children (VSSC) finalmente risulti utile per gli avvocati, gli ufficiali di polizia, i giudici e gli psicologi che lavorano ai casi di abuso, di negligenza, della custodia del bambino e delle persone che necessitano di un controllo," afferma Ceci. Aggiunge che la prova potrebbe anche essere usata per addestrare i ricercatori. "Identificando i bambini che sono altamente suggestionabili, la prova può essere usata per mettere sull’avviso gli intervistatori o chi è coinvolto in un caso in cui devono essere prese speciali precauzioni nel corso dell’intervista”.

Ceci ha sviluppato la scala due anni fa con il suo ex allievo Matthew Scullin, che ora è professore di psicologia all'università della West Virginia. Recentemente, insieme a Tomoe Kanaya, studente alla Cornell, Scullin e Ceci hanno concluso che il test è valido ed efficace trovando un'alta correlazione fra i risultati di VSSC dei bambini e come essi hanno risposto ad interrogatori circa eventi appositamente organizzati ed i risultati sono stati pubblicati sul numero di dicembre del Journal of Experimental Psychology: Applied (Vol. 8, No. 4).

Gli psicologi hanno studiato 25 bambini di etè minore di 4. 5 anni -- età media 4 anni, 1 mese -- e 25 bambini oltre 4. 5 anni (un'età a cui la maggior parte dei bambini iniziano a capire che i pensieri delle altre persone differiscono dai loro); l'età media era di 5 anni. Gli psicologi hanno organizzato due situazioni specifiche di addestramento preliminare dei bambini ed da allora hanno intervistato i bambini ogni settimana per quattro settimane. Nel corso delle successive verifiche, gli intervistatori hanno intenzionalmente dato suggerimenti falsi circa un evento, nel momento in cui ponevano le domande principali, hanno fornito informazioni inesatte di rinforzo e cercato di suggestionare i bambini esaminati. Dichiarando, ad esempio, che altri bambini li avevano visti partecipare all’evento in esame.

Parecchie settimane più tardi i bambini sono stati valutati usando il VSSC. I ricercatori hanno trovato che il VSSC era un ottimo predittore in relazione alla suggestionabilità di un bambino oltre i 4 anni. Il VSSC valuta non solo il ricordo dell’evento ma anche il grado a cui un bambino acconsentiva alle domande principali e modificava le sue risposte dopo avere ottenuto feedback negativi. Il test si rivela altamente predittivo per l'età superiore a 4 anni e mezzo ma non per quelle inferiori.

Il VSSC non è ancora disponibile per uso pubblico, ma i ricercatori sperano sperano che lo sia per il prossimo anno, dopo aver completato il lavoro in corso sui range di normalità della Scala stessa.

Tratto da Journal of Experimental Psychology: Applied (Vol. 8, No. 4).

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni