Pubblicità

Imaginary Friendships Could Boost Child Development

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 360 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
A post-graduate student from The University of Manchester's School of Psychological Sciences is investigating the theory that children with imaginary companions are quicker to develop language skills and retain knowledge. Anna Roby, who is studying for her Master of Science degree in Applied Psychology, is carrying out the research, which aims to test whether having an imaginary friend can help children's learning, development and creativity.

The theory is that by chatting to an imaginary companion a child becomes more practised at using language and constructing conversation, as he or she is carrying out both sides of the interaction. Children aged 4 to 11 both with and without imaginary friends are therefore being studied, to compare their ability to communicate meaning and the complexity of their grammar.

Researchers estimate that up to 25% of children have imaginary companions, particularly only- or first-born children. They are defined as vivid, imagined characters which might be people, animals or objects, which a child believes they are interacting with in an on-going way. The friend may be `invisible' or take the form of a toy animal or doll, and is treated as if it has a personality and consciousness of its own.

tratto da The University of Manchester - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni