Pubblicità

Imaginary Friendships Could Boost Child Development

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 378 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
A post-graduate student from The University of Manchester's School of Psychological Sciences is investigating the theory that children with imaginary companions are quicker to develop language skills and retain knowledge. Anna Roby, who is studying for her Master of Science degree in Applied Psychology, is carrying out the research, which aims to test whether having an imaginary friend can help children's learning, development and creativity.

The theory is that by chatting to an imaginary companion a child becomes more practised at using language and constructing conversation, as he or she is carrying out both sides of the interaction. Children aged 4 to 11 both with and without imaginary friends are therefore being studied, to compare their ability to communicate meaning and the complexity of their grammar.

Researchers estimate that up to 25% of children have imaginary companions, particularly only- or first-born children. They are defined as vivid, imagined characters which might be people, animals or objects, which a child believes they are interacting with in an on-going way. The friend may be `invisible' or take the form of a toy animal or doll, and is treated as if it has a personality and consciousness of its own.

tratto da The University of Manchester - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni