Pubblicità

Impatto dei fattori genetici e dell’ambiente familiare sull’obesità infantile

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 601 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un recente studio internazionale ha rilevato che circa il 35-40% dell’Indice di Massa Corporea (Body Mass Index), un parametro di valutazione del peso corporeo, viene ereditato dai genitori.

Obesità infantile

I ricercatori affermano che per la maggior parte dei bambini obesi, la percentuale sale al 55-60%, dunque più della metà della loro tendenza all’obesità è determinata da fattori genetici e dall’ambiente familiare. All’interno di questo studio, condotto presso l’Università di Sussex, sono stati raccolti dati relativi all’altezza e al peso di 100.000 bambini e dei loro genitori, provenienti da tutto il mondo.

I ricercatori hanno riscontrato che la trasmissione intergenerazionale del BMI si aggira intorno allo 0,2 per genitore; vale a dire che l’Indice di Massa Corporea di ogni bambino, in media, deriva per un 20% dalla madre e per un 20% dal padre. I risultati, pubblicati sulla rivista Economics and Human Biology, si sono dimostrati costanti in tutti i paesi, indipendentemente dal loro grado di sviluppo economico e di industrializzazione e dal tipo di economia.

E’ interessante notare come l’effetto del BMI dei genitori su quello dei loro figli dipenda dal BMI dei figli stessi. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che, in tutte le popolazioni studiate, l’effetto dei genitori era più basso nei bambini più magri e più alto nei bambini obesi. Per i bambini più magri, l’indice di massa corporea deriva per un 10% dalla madre e per un 10% dal padre. Per i bambini più grassi la trasmissione genetica del BMI si avvicina al 30% per ciascun genitore.

Ciò dimostra che i figli di genitori obesi hanno una probabilità maggiore di diventare obesi con la crescita. Questi risultati hanno implicazioni importanti per la salute di tutti i bambini del mondo: dovrebbero farci ripensare al fatto che l’obesità è il risultato di fattori familiari e genetici, piuttosto che considerarla solo come frutto delle decisioni prese dall’individuo.

 

 

Tratto da: psychcentral

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: obesità obesity

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

News Letters

0
condivisioni