Pubblicità

Impatto dei fattori genetici e dell’ambiente familiare sull’obesità infantile

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 725 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un recente studio internazionale ha rilevato che circa il 35-40% dell’Indice di Massa Corporea (Body Mass Index), un parametro di valutazione del peso corporeo, viene ereditato dai genitori.

Obesità infantile

I ricercatori affermano che per la maggior parte dei bambini obesi, la percentuale sale al 55-60%, dunque più della metà della loro tendenza all’obesità è determinata da fattori genetici e dall’ambiente familiare. All’interno di questo studio, condotto presso l’Università di Sussex, sono stati raccolti dati relativi all’altezza e al peso di 100.000 bambini e dei loro genitori, provenienti da tutto il mondo.

I ricercatori hanno riscontrato che la trasmissione intergenerazionale del BMI si aggira intorno allo 0,2 per genitore; vale a dire che l’Indice di Massa Corporea di ogni bambino, in media, deriva per un 20% dalla madre e per un 20% dal padre. I risultati, pubblicati sulla rivista Economics and Human Biology, si sono dimostrati costanti in tutti i paesi, indipendentemente dal loro grado di sviluppo economico e di industrializzazione e dal tipo di economia.

E’ interessante notare come l’effetto del BMI dei genitori su quello dei loro figli dipenda dal BMI dei figli stessi. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che, in tutte le popolazioni studiate, l’effetto dei genitori era più basso nei bambini più magri e più alto nei bambini obesi. Per i bambini più magri, l’indice di massa corporea deriva per un 10% dalla madre e per un 10% dal padre. Per i bambini più grassi la trasmissione genetica del BMI si avvicina al 30% per ciascun genitore.

Ciò dimostra che i figli di genitori obesi hanno una probabilità maggiore di diventare obesi con la crescita. Questi risultati hanno implicazioni importanti per la salute di tutti i bambini del mondo: dovrebbero farci ripensare al fatto che l’obesità è il risultato di fattori familiari e genetici, piuttosto che considerarla solo come frutto delle decisioni prese dall’individuo.

 

 

Tratto da: psychcentral

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: obesità obesity

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni