Pubblicità

Impatto dei fattori genetici nel Disturbo Post Traumatico da Stress

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 817 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo grande studio ha dimostrato che l'ereditarietà svolge un ruolo nel rischio di sviluppare Disturbi Post-Traumatici da Stress (DPTS) in seguito ad un trauma.

fattori genetici disturbo post traumatico

I ricercatori del Consorzio di Genomica Psichiatrica ritengono che la loro scoperta di un’evidenza molecolare per un profilo di rischio più elevato possa estendere le precedenti scoperte che hanno dimostrato la presenza di una sovrapposizione genetica condivisa tra Disturbo Post Traumatico da Stress (DPTS) e altri disturbi mentali come la schizofrenia.

Questo nuovo studio rileva, inoltre, che il rischio genetico per il DPTS è maggiore tra le donne.

Grazie alla grande mole di dati ricavati dalle storie dei prigionieri di guerra, delle persone che state in guerra e delle vittime di stupri, oggi si sa che molti individui esposti ad eventi estremi traumatici non necessariamente sviluppano un DPTS. Per quale motivo? I ricercatori affermano che la variabilità genetica sia un fattore importante che contribuisce a questo rischio o alla resilienza.

Il Dottor Karestan Koenen, Professore di epidemiologia psichiatrica alla “Harvard T.H. Chan School of Public Health” è stato il principale autore dello studio “Global Neuropsychiatric Genomics Initiative” condotto presso lo Stanley Center per la Ricerca Psichiatrica.

Il Disturbo Post Traumatico da Stress è un disturbo mentale comune che si sviluppa in seguito all’esposizione ad un evento traumatico. La sintomatologia del DPTS include la tendenza a rivivere l’evento traumatico, accompagnata dall’evitamento di tutti gli stimoli correlati all’evento stesso e ad un “iperarousal cronico”.

Negli Stati Uniti, una donna su 9 e un uomo su 29 soddisferanno i criteri per una diagnosi di DPTS nel corso della loro vita. L’impatto sociale è consistente, con un aumento del tasso di suicidio, di ospedalizzazioni e di abuso di sostanze.

Il nuovo studio – che ha raccolto dati provenienti da più di 20.000 persone che partecipavano a 11 studi multietnici in tutto il mondo – ha supportato l’ipotesi relativa ad un ruolo della genetica nel DPTS, precedentemente documentato su scala minore negli studi su gemelli.

Utilizzando i dati genomici, i ricercatori hanno scoperto che, tra le femmine europee-americane, il 29 % del rischio di sviluppo del DPTS è influenzato da fattori genetici, comparabili a quelli di altri disturbi psichiatrici. Al contrario, il rischio genetico maschile per il DPTS è stato sostanzialmente più basso.

Gli autori dello studio, inoltre, hanno dimostrato che le persone con un rischio genetico più elevato per diversi disturbi mentali, tra cui la schizofrenia e, in misura minore, il disturbo depressivo e bipolare, presentano anche un rischio maggiore per lo sviluppo di DPTS in seguito ad un evento traumatico.

Secondo il Dottor Laramie Duncan, che ha fatto parte della ricerca, “Il DPTS potrebbe essere uno dei disturbi psichiatrici maggiormente prevenibili […] Ci sono efficaci interventi finalizzati alla prevenzione del DPTS subito dopo l’esposizione di un individuo all’evento traumatico. Ma sono necessarie notevoli risorse per poter aiutare tutti”.

Per concludere, la maggiore conoscenza acquisita sul rischio genetico degli individui per il DPTS potrebbe rendere gli interventi dei professionisti maggiormente efficaci e aiutare nella comprensione dei meccanismi biologici sottostanti.

 

Tratto da: psychcentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Tags: stress Disturbo da Stress Post-Traumatico DPTS

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni