Pubblicità

Impatto del Disturbo Ossessivo – Compulsivo (DOC) sui familiari.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 5165 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), caratterizzato da comportamenti ripetitivi, come accendere e spegnere più volte la luce prima di entrare in una stanza o pulire in modo compulsivo, assume un impatto significativo non solo nei bambini che ne sono affetti, ma anche nei genitori.

DOC e familiari

I risultati di una recente ricerca, pubblicata online sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psichiatry mostrano come l’DOC influenzi l’intera famiglia, attraverso cambiamenti nella routine, stressanti interazioni sociali per il figlio e il peggioramento delle performance lavorative dei genitori. La ricerca suggerisce anche che tali effetti potrebbero essere indotti dalla modalità di alcuni genitori di rispondere ai problemi dei figli.

La ricerca è stata condotta da Evelyn Stewart dell'Università della Columbia Britannica e da David L. Pauls dell'Università di Harvard. Lo studio ha coinvolto un gran numero di famiglie di diversa provenienza geografica. Il team di ricercatori ha raccolto informazioni dai pazienti e dai loro genitori, utilizzando l'OCD Family Functioning (OFF) Scale, un metodo recentemente sviluppato, volto a valutare l’impatto del DOC.

L’applicazione di tale strumento ha permesso di scoprire che in tutte le famiglie, in cui è presente un familiare affetto da DOC, è presente un alto livello di stress e ansia. I bambini con DOC hanno riportato nella maggioranza sensazioni di rabbia e frustrazione, mentre i loro genitori hanno riferito di avere sentimenti di tristezza.

Inoltre, è emerso che la vita quotidiana di queste famiglie ha subito un cambiamento anche negli aspetti più banali. Le famiglie hanno, infatti, riportato frequenti interruzioni durante la routine mattutine e serali. I bambini hanno anche sperimentato importanti difficoltà sociali e accademiche.

Pubblicità

Le conseguenze del DOC non limitano solamente i bambini che ne sono affetti. Infatti, quasi la metà di tutte le madri e un terzo dei padri ha riportato un notevole impatto sulle performance lavorative.

Valutando il singolo caso, la gravità e la tipologia di comportamenti compulsivi erano degli ottimi indicatori dell’estensione della perturbazione familiare. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il miglior predittore era la modalità di reagire al disturbo del bambino da parte della famiglia.

Alcuni genitori hanno permesso ai bambini di continuare ad assumere quei comportamenti, oppure hanno evitato fonti di stress, piuttosto che tentare di contrastare questo problema e incoraggiare il bambino ad affrontare le proprie paure. Questa modalità di gestione è stata associata a risultati negativi, sia per il bambino che per la famiglia nel complesso.

Per concludere, secondo i ricercatori i medici dovrebbero educare i genitori, insegnando loro delle strategie efficaci per gestire il DOC in età pediatrica. Questo studio, inoltre, sottolinea anche l’importanza di fornire interventi rivolti a tutta la famiglia per favorire un adeguato livello di benessere emotivo, sociale e professionale.

 

 

Tratto da: psicologytoday

 

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: doc news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni