Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

In aumento i disturbi dell'alimentazione

on . Postato in News di psicologia | Letto 299 volte

Una nuova campagna sull’alimentazione ed i suoi disturbi è stata lanciata nei giorni scorsi in Canada per sensibilizzare maggiormente verso questo fenomeno che registra negli ultimi tempi un aumento progressivo tra le fasce di popolazione giovanile. La campagna, diffusa attraverso sposts e programmi specifici nelle reti televisive, si dirige –proprio a causa del continuo abbassamento dell’età di insorgenza dei disturbi alimentari di natura psicogena - soprattutto ai genitori di ragazzi di età compresa tra gli otto e i dodici anni, sollecitando una maggiore attenzione verso questo aspetto della vita di relazione famigliare. “Nei nostri centri per la cura dei disturbi del comportamento alimentare – dice la dr.ssa Debra Katzman , responsabile del programma di cura per i disturbi dell’alimentazione presso l’Hospital for Sick Children di Toronto – osserviamo ragazzi sempre più giovani con problematiche psicologiche espresse attraverso una condotta alimentare alterata, quindi principalmente forme anoressico-bulimiche, alimentazione compulsiva o problemi di soprappeso;l’età di insorgenza di questi disturbi è infatti drasticamente scesa negli ultimi anni, fino a coinvolgere la seconda infanzia e la preadolescenza dove, anche se non sono soddisfatti solitamente tutti i criteri necessari per una diagnosi in una categoria precisa, sono comunque presenti tratti inequivocabili di sofferenza psicologica collegata all’alimentazione che ostacolano lo sviluppo armonico dei ragazzi ”.

“Le cause di questo abbassamento dell’età di insorgenza dei disturbi alimentari – prosegue la dr.ssa Katzman – sembra essere determinato da molteplici fattori, tra cui i maggiori livelli di stress che incontrano i giovani nelle nostre società nonché l’adeguamento a certi modelli di riferimento socio-culturali, soprattutto tra le ragazze”.

“La campagna attuale su questi disturbi - aggiunge la dr.ssa Maggie Wynant, direttrice dello Sheena Place di Toronto, un altro centro di supporto per problemi dell’alimentazione - è diretta soprattutto a far prendere coscienza agli adulti ed ai genitori che anche il modo di affrontare il problema sin dalle sue prime manifestazioni è importante e quindi anche il loro modo di esprimersi su tali tematiche davanti ai figli, per non creare i presupposti di una conflittualità che potrebbe trovare nei problemi col cibo un canale privilegiato di espressione..”.

Tratto da:” Eating Disorder Group Launches Campaign, Tells Parents to Nix Weight Comments” - Canadian Press – Feb. 2002

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters