Pubblicità

In aumento i disturbi mentali in Europa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 412 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I disturbi mentali in Europa colpiscono un cittadino su tre: e' il dato, preoccupante, che emerge dallo studio ESEMED (European Study of Epidemiology of Mental Disorders), presentato recentemente a Barcellona in occasione del 15esimo Congresso Europeo di Neuropsicofarmacologia. L'indagine, realizzata dall'organizzazione mondiale della Sanità e l' Unione Europea evidenzia che il 29% degli Europei soffre di disturbi mentali, il 14% di depressione e il 16% di ansia. Inoltre lo studio denuncia la carenza nelle diagnosi e nelle cure adeguate da parte degli organi competenti. Dal 1992 ad oggi in Italia, Spagna, Belgio Olanda, Germania e Francia, 14.078 persone sono state intervistate con un questionario che e' stato poi sottoposto ad una valutazione scientifica inattaccabile. Lo studio e' stato svolto perché ansia e depressione rappresentano la prima causa di disabilità nei paesi sviluppati.

Sono in costante aumento, ma non esistono analisi e dati certi sul numero delle persone colpite, sul corso delle terapie, sull'utilizzo dei servizi sul territorio.

Da qui l'esigenza di una ricerca i cui risultati hanno confermato purtroppo quanto ci si aspettava:questi disturbi sono diffusi, molte persone non si rivolgono ai centri e non utilizzano le terapie oggi a disposizione.

Sempre secondo questa ricerca, nel nostro paese si registra la percentuale più bassa, rispetto al resto d'Europa, dei malati curati con terapie appropriate. Non solo: ancora troppe persone vengono trattate in modo scorretto.

Il sondaggio europeo e' il punto di partenza per le autorità centrali e regionali, affinché queste creino gli strumenti per progettare interventi in grado di far fronte a queste patologie, ormai tanto diffuse da rappresentare una vera e propria emergenza sanitaria.

(Articolo interamente tratto dal sito:www.Libero.it – salute del 23.11.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Articolo 31 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.31 (consenso per i minori), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo set...

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Le parole della Psicologia

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni