Pubblicità

In aumento i disturbi mentali in Europa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 583 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I disturbi mentali in Europa colpiscono un cittadino su tre: e' il dato, preoccupante, che emerge dallo studio ESEMED (European Study of Epidemiology of Mental Disorders), presentato recentemente a Barcellona in occasione del 15esimo Congresso Europeo di Neuropsicofarmacologia. L'indagine, realizzata dall'organizzazione mondiale della Sanità e l' Unione Europea evidenzia che il 29% degli Europei soffre di disturbi mentali, il 14% di depressione e il 16% di ansia. Inoltre lo studio denuncia la carenza nelle diagnosi e nelle cure adeguate da parte degli organi competenti. Dal 1992 ad oggi in Italia, Spagna, Belgio Olanda, Germania e Francia, 14.078 persone sono state intervistate con un questionario che e' stato poi sottoposto ad una valutazione scientifica inattaccabile. Lo studio e' stato svolto perché ansia e depressione rappresentano la prima causa di disabilità nei paesi sviluppati.

Sono in costante aumento, ma non esistono analisi e dati certi sul numero delle persone colpite, sul corso delle terapie, sull'utilizzo dei servizi sul territorio.

Da qui l'esigenza di una ricerca i cui risultati hanno confermato purtroppo quanto ci si aspettava:questi disturbi sono diffusi, molte persone non si rivolgono ai centri e non utilizzano le terapie oggi a disposizione.

Sempre secondo questa ricerca, nel nostro paese si registra la percentuale più bassa, rispetto al resto d'Europa, dei malati curati con terapie appropriate. Non solo: ancora troppe persone vengono trattate in modo scorretto.

Il sondaggio europeo e' il punto di partenza per le autorità centrali e regionali, affinché queste creino gli strumenti per progettare interventi in grado di far fronte a queste patologie, ormai tanto diffuse da rappresentare una vera e propria emergenza sanitaria.

(Articolo interamente tratto dal sito:www.Libero.it – salute del 23.11.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters

0
condivisioni