Pubblicità

In aumento i gruppi di supporto psicologico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 627 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Si stima che siano circa 25 milioni gli Americani che hanno fatto esperienza almeno una volta nella loro vita con uno dei tanti gruppi di supporto psicologico o associazioni di autoaiuto che forniscono un valido servizio di sostegno e di socializzazione per quanti soffrono di problematiche le più disparate e di diversa gravità. La cifra è negli ultimi anni in costante aumento, come riporta anche una indagine recente del Journal of American Psichologist, anche in seguito alla diffusione di Internet, attraverso cui questi gruppi ed associazioni hanno trovato ulteriori spazi operativi.

Uno studio condotto recentemente da ricercatori dell’Università di Austin (Texas-Usa) ha approfondito le caratteristiche e le dinamiche che si sviluppano in questi contesti; la partecipazione a questi gruppi, intanto, prevede la presenza fisica tra molte altre persone che hanno problemi simili, ciò che se da un lato può scoraggiare alcuni all’inizio - soprattutto quanti soffrono di disturbi fobico-sociali e forme di timidezza patologica- dall’altro stimola il confronto con gli altri, rinforza i legami interpersonali, di appartenenza e di mutuo sostegno e contribuisce a far uscire dalla solitudine e da alcune forme depressive minori grazie al frequente scambio emotivo con gli altri partecipanti.

Per alcune problematiche in particolare, i gruppi di sostegno e di autoaiuto si rivelano essere uno dei trattamenti di supporto più efficaci per contrastare alcuni aspetti centrali del proprio malessere, come per esempio nell’alcolismo e nei casi di tossicodipendenza e sieropositività all’Aids.

Infatti, stando alle rilevazioni compiute, i soggetti che ricercano più attivamente sostegno nei gruppi direttamente o attraverso i canali internet appartengono soprattutto a queste tipologie di pazienti; seguono soggetti con problematiche di cancro, sclerosi multipla, disturbi cardiaci gravi, disturbi gravi dell’alimentazione (anoressia-bulimia), fino a gruppi costituiti da soggetti con disturbi meno gravi ma comunque difficili da gestire individualmente, quali ipertensione, attacchi di panico, cefalee, etc..

(tratto da:”Sharp Increase in Illness Support Groups”- Work & Family Life - Nov.2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni