Pubblicità

In aumento i suicidi giovanili in Cina

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 386 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sono in aumento i suicidi tra i giovani cinesi delle zone rurali, come conferma una indagine condotta dal Ministero della Salute cinese a partire dal 1995 e pubblicata nelle scorse settimane dal settimanale scientifico “The Lancet”.

La morte per suicidio ha raggiunto attualmente il 3,6% del numero di decessi complessivi in Cina ed è al quinto posto come causa di morte tra la popolazione. “Il suicidio costituisce attualmente – dice il dr. Zhang Yanping del Beijng’s Hui Long Guan Hospital – il principale problema per la salute pubblica cinese ma solo negli ultimi tempi le reali proporzioni del fenomeno stanno emergendo in tutta la loro evidenza. Tra le concause andrebbero menzionate l’assenza di ripercussioni giuridiche, la mancanza di un divieto religioso contro l’atto suicidario e la carenza di supporti psicologici, di servizi e strutture funzionanti che possano intervenire efficacemente su tali problematiche..”.

Nel periodo considerato dallo studio suddetto si è stimato che sulla popolazione totale la media annuale dei suicidi abbia raggiunto il numero di circa 290.000; tra la popolazione giovanile delle zone interne rurali della Cina, di età compresa tra i 15 e i 34anni, esso rappresenta la prima causa di morte, essendo qui il numero di suicidi circa triplo rispetto alle aree urbane. Sono le giovani donne a presentare il tasso di mortalità per suicidio più alta, essendo del 25% maggiore rispetto ai coetanei uomini; dato questo che rientra in una condizione generale di effettivo svantaggio della donna nei paesi asiatici, che occupa in quelle società un posto solitamente inferiore all’uomo ed è spesso priva di qualsiasi rete di supporto sociale.

Le autorità cinesi hanno avviato già dalla Primavera del 2000 un piano di prevenzione nazionale per il problema del suicidio tra la popolazione giovanile, ma ad oggi rimangono ancora molti problemi da superare, come rilevamenti precisi e studi approfonditi sulla natura del fenomeno (solo il 38% dei suicidi sarebbe collegabile a gravi patologie psichiche), l’individuazione di gruppi ad alto rischio suicidario e la conseguente messa in atto di programmi specifici di prevenzione mirati per tali fasce di popolazione.

Tratto da:” Rural suicides show China's pit of despair, says study” - Agence France-Presse – Mar.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni