Pubblicità

In aumento per colpa del web i malati di scommesse?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 331 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - A Hong Kong è quasi un'epidemia: una persona su venti della tentacolare città cinese non resiste alle lusinghe delle scommesse e finisce per non poterne più fare ameno, sviluppando una dipendenza patologica al gioco d'azzardo. Non ovunque nel mondo la faccenda è così seria, ma il rischio di cascarci è in crescita: secondo lo psicologo dell'università di Calgary David Hodgins è tutta colpa del web, perché le infinite possibilità di gioco e scommesse online attraggono nel gorgo della malattia un numero sempre maggiore di persone.

 

EPIDEMIA – Hodgins ha pubblicato le sue considerazioni sulla prestigiosa rivista The Lancet , sottolineando come perfino nei Paesi che per motivi religiosi o culturali si oppongono al gioco d'azzardo (come Cina, Malesia, Corea del Sud) di fatto sono stati aperti casinò per i turisti: risultato, pure in questi Stati teoricamente virtuosi sta crescendo la quota di chi, dopo aver provato il brivido del tavolo verde, finisce per pensare solo a quello, perdendo soldi a palate e mandando spesso in malora le proprie relazioni personali.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

News Letters

0
condivisioni