Pubblicità

Incidenti stradali e bambini: anche la psiche è in pericolo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 497 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un subdolo nemico mette a repentaglio la salute psichica dei bambini coinvolti in incidenti stradali e dei loro genitori: il disturbo acuto da stress. Una realtà poco investigata e sottodiagnosticata ma che riguarda milioni di bambini in tutto il mondo. A lanciare l’allarme uno studio pubblicato dalla rivista Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine.

A circa 1 bambino su 4 tra quelli ospedalizzati per ferite causate da incidenti d’auto viene diagnosticato un disturbo acuto da stress. E si tratta di una minoranza dei bambini esposti al trauma di un incidente.
Fino ad oggi, nessuno studio clinico aveva esplorato la prevalenza dei sintomi da disturbo acuto da stress e i fattori di rischio tra bambini e genitori esposti a incidenti stradali. In Italia i traumi riportati in seguito a incidenti automobilistici interessano ogni anno circa 11.000 bambini. Le conseguenze psicologiche non sono da sottovalutare: numerosi studi hanno dimostrato infatti il possibile sviluppo di situazioni di stress permanente (passando cioè ad un disturbo post-traumatico da stress o DPTS).

Tratto da Yahoo! - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni