Pubblicità

Individuare e classificare il Parkinson con un disegno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1982 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un gruppo di studiosi australiani ha sviluppato un sistema innovativo attraverso il quale è possibile diagnosticare in fase precoce il Parkinson e la gravità dei suoi sintomi, il tutto grazie all'analisi del disegno di una spirale.

spirale diagnosi parkinson penna tablet parkinsontool

La malattia di Parkinson è un disturbo neurodegenerativo che provoca tremori, rigidità muscolare e difficoltà nella deambulazione.

Negli Stati Uniti si contano all’incirca un milione di persone colpite da questa malattia e oltre quattro milioni in tutto il mondo. Ogni anno, inoltre, vengono fatte all’incirca 60.000 diagnosi di Parkinson.  

Individuare la presenza dei sintomi caratteristici di questo disturbo, in fase precoce, è un compito fondamentale per i medici e per coloro che si occupano di assistenza primaria, in quanto molti trattamenti sono efficaci solo se utilizzati nelle fasi iniziali della malattia.

Purtroppo, fare una diagnosi precoce di Parkinson può essere piuttosto impegnativo.

Dei ricercatori australiani hanno sviluppato un metodo innovativo ed automatizzato che valuta la capacità di una persona di disegnare una spirale su un foglio di carta.

Attraverso l’analisi del tempo impiegato per disegnare la spirale e della pressione esercitata sulla carta, gli studiosi sono stati in grado di determinare la presenza della malattia di Parkinson ed anche la sua gravità. 

Pubblicità

Alcuni sintomi (quali ad es. la rigidità), infatti, possono interferire con la capacità del paziente di scrivere e disegnare. Tuttavia, sebbene la scrittura possa essere influenzata dal livello di istruzione e dalla conoscenza della lingua di una persona, un disegno semplice quale quello della spirale, si rende accessibile a tutti.

L’inconveniente di questa tipologia di approccio è il fatto che solo un esperto può interpretare nella maniera corretta gli schizzi fatti dal soggetto esaminato. Senza contare, inoltre, che questo compito potrebbe non essere semplice neppure per i professionisti, allorquando si ritrovano a dover stabilire e valutare la gravità della malattia durante le prime fasi, basandosi solo sul disegno di una spirale.

Riuscire a comprendere la gravità della malattia sarebbe piuttosto importante in quanto aiuterebbe i medici a prendere le decisioni più giuste rispetto al trattamento da eseguire e permetterebbe loro anche di valutare l’andamento e la progressione dei sintomi.

Dalle precedenti ricerche è emerso che i pazienti con Parkinson tendono a muovere la penna molto lentamente ed utilizzano poca pressione sulla pagina. Questi risultati, sebbene utili per valutare se una persona è affetta dal Parkinson, tuttavia non danno informazioni inerenti la sua gravità. 

Per superare la limitazione degli studi precedenti e dunque per contribuire non solo alla formulazione della diagnosi di Parkinson, ma anche per riuscire a valutarne la gravità dei sintomi, i ricercatori di questo nuovo studio hanno sviluppato un sistema elettronico automatizzato, accessibile e facilmente utilizzabile nel comfort di uno studio, da medici di comunità o da personale infermieristico.

Attraverso questo specifico software ed un computer associato ad un tablet, gli studiosi sono stati in grado di misurare la velocità con cui veniva eseguito il disegno e la pressione esercitata sulla pagina, in due campioni: uno costituito da un gruppo di volontari sani e l’altro da pazienti con Parkinson con diversi livelli di gravità della malattia.

I risultati sono stati ricavati grazie alla combinazione matematica fra la velocità e la pressione esercitata sulla penna. La misurazione ottenuta da questa combinazione delle due variabili (velocità e pressione) è stata definita Composite Index of Speed and Pen-pressure (CISP).

Confrontando i volontari sani con i pazienti aventi il Parkinson, è stato osservato come quest’ultimi impiegassero più tempo a svolgere il disegno e utilizzassero meno pressione sulla penna.

Tuttavia, facendo riferimento ai soli indici della velocità e della pressione e considerandoli separatamente, i ricercatori non sono stati in grado di stabilire la gravità dei sintomi.

Ciò nonostante, usando il punteggio ottenuto attraverso il CISP, essi hanno osservato che era possibile stabilire l’intensità dei sintomi e quindi classificare i diversi stadi della malattia.

 

Tratto da PsychCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parkinson news di psicologia disegno;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni