Pubblicità

Cambiamenti cerebrali nella depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 377 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

In una  nuova ricerca, gli studiosi dell' University of Maryland School of Medicine (UMSOM), guidati da Scott Thompson, PhD, hanno identificato cambiamenti nell' attività cerebrale legata al sistema del piacere e della ricompensa.

cervello depressione

La ricerca pubblicata nella rivista, Nature, fornisce nuovi spunti su come il cervello elabora le ricompense ed accresce le nostre conoscenze sulle dipendenze e depressione. La ricerca, che è stata condotta da Tara LeGates, Ph.D., una ricercatrice associata del Dipartimento di Psicologia, ha rivelato che l'intensità del segnale tra due regioni cerebrali, l'Ippocampo e il Nucleo Accumbens, potrebbe essere cruciale per elaborare l'informazione correlata a uno stimolo ricompensatorio, così come la sua posizione.

"Queste due parti del cervello sono ritenute essere importanti nell'elaborazione dell'esperienza ricompensatoria" ha spiegato la Dr.ssa Dr. Thompson.

"La comunicazione tra queste regioni è più forte nella dipendenza, tuttavia i meccanismi sottostanti sono sconosciuti. Abbiamo inoltre sospettato che opposti cambiamenti nell'intensità di questa comunicazione si verificherebbero nella depressione. Un'indebolimento di questa connessione potrebbe spiegare il disturbo nell'elaborazione della ricompensa che causerebbe sintomi, quali l'anedonia nei pazienti depressi".

L'anedonia è l'inibizione della gioia normalmente derivata dalle esperienze piacevoli, come per esempio mangiare il nostro piatto preferito, stare con gli amici o con la famiglia, il sesso ecc...

Questa ricerca ha scoperto un circuito chiave nel cervello del topo, che è importante per i comportamenti diretti ad uno scopo ed ha dimostrato che la forza del segnale in questo circuito è variabile, un processo conosciuto come plasticità. I circuiti della ricompensa e le componenti molecolari che stanno alla base della plasticità, rappresentano nuovi bersagli per lo sviluppo di trattamenti per disturbi come le dipendenze e la depressione.

Pubblicità

Per attivare o inibire questa connessione, i ricercatori hanno utlizzato speciali proteine fotosensibili introdotte in specifici neuroni nel cervello del topo. Nel ratto, attraverso le proteine fotosensibili che hanno stimolato i neuroni, con solo appena quattro secondi di esposizione alla luce, non si è attivato il tragitto Ippocampo - Nucleo Accumbens, mentre quando la luce non era persistente si è rinforzata l'intensità del segnale tra questa via, creando così una memoria artificiale delle ricompensa.

Il giorno dopo, il topo è ritornato nel posto dove era stata creata la memoria artificiale di ricompensa, anche se non ha mai sperimentato una ricompensa reale. I ricercatori hanno poi usato la luce per silenziare la stessa via nel topo con proteine fotosensibili, hanno inibito i neuroni e hanno scoperto che questo percorso è stato necessario per l'associazione di un premio al suo luogo. Il topo non ha dimostrato a lungo una preferenza per il posto dove aveva interagito con altri topi.

Hanno inoltre esaminato questo circuito nei topi depressi. In seguito all'assunzione di farmaci antidepressivi, i ricercatori possono migliorare questo circuito utilizzando proteine fotosensibili e creando nel topo, memorie artificiali della ricompensa. "Questi risultati ci conducono più vicino alla comprensione su cosa non vada per il verso giusto nel cervello di pazienti clinicamente depressi" ha affermato UMSOM Dean E. Albert Reece, MD, PhD, MBA, che è inoltre l'attuale vice presidente del Medical Affairs, University of Maryland.

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione connessioni cerebrali neuroni news di psicologia circuiti di ricompensa cambiamenti cerebrali circuiti

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters

0
condivisioni