Pubblicità

Influenza famigliare e rischio suicidario

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 493 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un individuo ha più probabilità di commettere un atto suicidario se un membro della propria famiglia ha compiuto un fatto analogo oppure se vi sono precedenti di disturbi psichiatrici all’interno della famiglia. Una ricerca danese condotta su dati relativi a circa 4300 persone di età compresa tra i 9 ed i 45 anni che hanno commesso suicidio è giunta a questa conclusione comparando informazioni relative ai famigliari, alla presenza di patologie psichiatriche tra di essi, etc.. I soggetti con precedenti famigliari di suicidio presenterebbero infatti una tendenza doppia rispetto alla media di commettere a loro volta un atto suicidario. Secondo il team di ricerca danese anche la presenza di precedenti di ricovero per motivi psichiatrici nel gruppo famigliare allargato sarebbe direttamente collegata ad una possibilità doppia rispetto alla media di sviluppare analoghi disturbi mentali; il rischio maggiore è chiaramente presente nelle situazioni in cui le due condizioni si sommano.

“Questo è il primo studio che dimostri – dice il dott. Ping Qin, ricercatore presso la Aarhus University in Danimarca – l’influenza sull’individuo di precisi fattori relativi a precedenti famigliari di suicidio e patologia psichiatrica; questo non significa tuttavia concludere semplicisticamente che vi siano soltanto fattori genetici associabili alle condotte suicidarie ed alle patologie psichiatriche , quanto piuttosto che vadano prese in esame le complesse interrelazioni tra fattori biologici predisponenti e gli altri fattori non-genetici ed ambientali che determinano tali condizioni..”.

tratto da: “ Suicide Risk Runs in Families” - HealthScout - October 10, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni