Pubblicità

Influenza famigliare e rischio suicidario

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 394 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un individuo ha più probabilità di commettere un atto suicidario se un membro della propria famiglia ha compiuto un fatto analogo oppure se vi sono precedenti di disturbi psichiatrici all’interno della famiglia. Una ricerca danese condotta su dati relativi a circa 4300 persone di età compresa tra i 9 ed i 45 anni che hanno commesso suicidio è giunta a questa conclusione comparando informazioni relative ai famigliari, alla presenza di patologie psichiatriche tra di essi, etc.. I soggetti con precedenti famigliari di suicidio presenterebbero infatti una tendenza doppia rispetto alla media di commettere a loro volta un atto suicidario. Secondo il team di ricerca danese anche la presenza di precedenti di ricovero per motivi psichiatrici nel gruppo famigliare allargato sarebbe direttamente collegata ad una possibilità doppia rispetto alla media di sviluppare analoghi disturbi mentali; il rischio maggiore è chiaramente presente nelle situazioni in cui le due condizioni si sommano.

“Questo è il primo studio che dimostri – dice il dott. Ping Qin, ricercatore presso la Aarhus University in Danimarca – l’influenza sull’individuo di precisi fattori relativi a precedenti famigliari di suicidio e patologia psichiatrica; questo non significa tuttavia concludere semplicisticamente che vi siano soltanto fattori genetici associabili alle condotte suicidarie ed alle patologie psichiatriche , quanto piuttosto che vadano prese in esame le complesse interrelazioni tra fattori biologici predisponenti e gli altri fattori non-genetici ed ambientali che determinano tali condizioni..”.

tratto da: “ Suicide Risk Runs in Families” - HealthScout - October 10, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni