Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Influenza famigliare e rischio suicidario

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 291 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un individuo ha più probabilità di commettere un atto suicidario se un membro della propria famiglia ha compiuto un fatto analogo oppure se vi sono precedenti di disturbi psichiatrici all’interno della famiglia. Una ricerca danese condotta su dati relativi a circa 4300 persone di età compresa tra i 9 ed i 45 anni che hanno commesso suicidio è giunta a questa conclusione comparando informazioni relative ai famigliari, alla presenza di patologie psichiatriche tra di essi, etc.. I soggetti con precedenti famigliari di suicidio presenterebbero infatti una tendenza doppia rispetto alla media di commettere a loro volta un atto suicidario. Secondo il team di ricerca danese anche la presenza di precedenti di ricovero per motivi psichiatrici nel gruppo famigliare allargato sarebbe direttamente collegata ad una possibilità doppia rispetto alla media di sviluppare analoghi disturbi mentali; il rischio maggiore è chiaramente presente nelle situazioni in cui le due condizioni si sommano.

“Questo è il primo studio che dimostri – dice il dott. Ping Qin, ricercatore presso la Aarhus University in Danimarca – l’influenza sull’individuo di precisi fattori relativi a precedenti famigliari di suicidio e patologia psichiatrica; questo non significa tuttavia concludere semplicisticamente che vi siano soltanto fattori genetici associabili alle condotte suicidarie ed alle patologie psichiatriche , quanto piuttosto che vadano prese in esame le complesse interrelazioni tra fattori biologici predisponenti e gli altri fattori non-genetici ed ambientali che determinano tali condizioni..”.

tratto da: “ Suicide Risk Runs in Families” - HealthScout - October 10, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Insicurezza e bassa autostima …

Lau, 26     Buongiorno, fin da quando ero piccola ho sempre avuto una scarsa autostima e questo mi ha portato sicuramente ad essere sempre indeci...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni