Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Insomnia may precede and prolong major depression

on . Postato in News di psicologia

Two new studies show that insomnia, far from being a symptom or side effect of depression, may instead precede it, making some patients more likely to become and remain mentally ill. One paper was presented today at the 19th Annual Meeting of the Associated Professional Sleep Societies (APSS) in Denver, and the other will be published shortly in the Journal of Behavioral Sleep Medicine. In recent years, researchers established that insomnia and depression are linked, but struggled to determine which came first. Many experts believed that depression caused insomnia until new drugs arrived that improved depression, but not insomnia. The idea that insomnia could be a contributor to, or predictor of, depression gained credence.

The study presented today at APSS is the first to establish that insomnia prolongs bouts of sadness, hopelessness and loss of interest in life activities that characterize major depression, making patients less likely to recover. Specifically, the study found that depressed patients with insomnia were nearly 11 times more likely to still be depressed at six months than those sleeping well, and 17 times more likely to remain ill after a year. Data were drawn from Project IMPACT, a study in late-life depression that enrolled 1,801 men and women aged 65 years or older.

"The new findings are especially significant because they suggest that targeted treatment for insomnia will increase the likelihood and speed of recovery from depression," said Michael Perlis, Ph.D., director of the University of Rochester Sleep and Neurophysiology Research Laboratory (URSNRL), and an author the studies presented at APSS and published in the journal. Wilfred Pigeon, Ph.D., asst. director of the sleep lab, was lead author of the study presented today.

tratto da EurekAlert - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

avvocato (1505948867148)

valbuena, 29       Sono un giovane avvocato della provincia di Napoli. Sono fidanzato da 8 anni con una ragazza di 25 anni. ...

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters