Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Da dove ha origine l'intelligenza umana?

on . Postato in News di psicologia | Letto 462 volte

Flessibilità cerebrale ed intelligenza: Una nuova ricerca sul perché la flessibilità può essere al centro dell'intelligenza umana.

intelligenza flessibilitàSecoli di studi hanno prodotto molte teorie su come il cervello dia origine all'intelligenza umana.

Alcuni neuroscienziati credono, infatti, che l'intelligenza scaturisca da una singola regione o rete neurale. Altri, invece, sostengono che il metabolismo o l'efficienza con cui le cellule cerebrali fanno uso delle risorse essenziali siano la chiave per comprendere l’origine dell’intelligenza.

Una nuova teoria, pubblicata sulla rivista Trends in Cognitive Sciences, sostiene che le proprietà dinamiche del cervello - il modo in cui è connesso, ma anche il modo in cui le connessioni cambiano in risposta alle mutevoli richieste intellettuali – sono da considerarsi come i “migliori predittori” dell' intelligenza nel cervello umano.

"Quando diciamo che qualcuno è intelligente, capiamo intuitivamente cosa ciò significhi", ha riferito il Professore di Psicologia dell'Università dell'Illinois Aron Barbey,  ed autore del nuovo studio. "Di solito, ci si riferisce a quanto, gli individui che descriviamo come intelligenti, siano bravi a prendere decisioni ed a risolvere particolari tipi di problemi. Ma recentemente, nelle neuroscienze, ci si è concentrati sulla comprensione in termini biologici dell'intelligenza più in generale ". Ciò richiede lo studio delle caratteristiche strutturali e funzionali del cervello. Gli scienziati hanno compreso ormai da tempo che il cervello è modulare, ed è caratterizzato da diverse regioni che supportano abilità specifiche, ha detto Barbey.

"Ad esempio, le regioni del cervello all'interno del lobo occipitale nella parte posteriore del cervello sono note per elaborare le informazioni visive". Ma interpretare ciò che si vede richiede l'integrazione di informazioni da altri <<moduli cerebrali>>.

"Per identificare un oggetto, dobbiamo anche classificarlo. Ciò non dipende solo dalla vista, ma richiede anche conoscenze concettuali ed altri aspetti riguardanti l'elaborazione delle informazioni, supportati da altre regioni del cervello ", ha affermato il Professor Barbey . "E con l'aumentare del numero dei moduli, il tipo di informazioni rappresentate nel cervello tende a diventare sempre più astratto e generale."

Gli scienziati hanno faticato a capire come il cervello si organizza da sé e hanno quindi, cercato di identificare una struttura o una regione che svolga tale funzione.

"La corteccia prefrontale, una struttura posta nella parte anteriore del cervello, per esempio, è cresciuta esponenzialmente nel corso dell'evoluzione umana". Poiché questa regione del cervello è nota per supportare diverse funzioni di ordine superiore come la pianificazione e l'organizzazione del proprio comportamento, gli scienziati hanno dunque suggerito che sia la corteccia prefrontale a guidare l'intelligenza generale.

Pubblicità

"Ma in realtà, l'intero cervello - la sua architettura globale e le interazioni tra i meccanismi di livello inferiore e superiore - è richiesto per l'intelligenza generale", ha detto Barbey.

I moduli cerebrali forniscono gli elementi costitutivi di base da cui si costruiscono "reti di connettività intrinseche" più grandi, ha affermato Barbey. Ogni rete include più strutture cerebrali che vengono attivate insieme quando una persona utilizza una particolare abilità cognitiva.

"Ad esempio, la rete frontoparietale viene attivata quando l'attenzione è focalizzata su segnali esterni; la rete di salienza è impegnata quando l'attenzione è diretta verso eventi rilevanti e la rete di modalità predefinita viene reclutata quando l'attenzione è focalizzata internamente", ha affermato l’autore dello studio.

Le reti neurali sono costituite da due tipi di connessioni che si ritiene supportino due tipi di elaborazione delle informazioni.

"Ci sono i percorsi che codificano la conoscenza e l'esperienza precedenti, che chiamiamo <<intelligenza cristallizzata>>. E ci sono capacità di ragionamento adattativo e di risoluzione dei problemi che sono abbastanza flessibili, chiamate <<intelligenza fluida>>".

L'intelligenza cristallizzata implica solide connessioni, il risultato di mesi o anni di “traffico neurale su percorsi logori”. L'intelligenza fluida comporta percorsi e connessioni più deboli e transitori che si formano quando il cervello affronta problemi unici od insoliti.

"Piuttosto che creare connessioni permanenti, aggiorniamo costantemente le nostre conoscenze pregresse e ciò comporta la creazione di nuove connessioni", ha affermato Barbey. “Più prontamente il cervello forma e riforma la sua connettività in risposta alle mutevoli esigenze, meglio esso funziona”.

Sebbene i ricercatori abbiano saputo che la flessibilità è una caratteristica importante della funzione del cervello umano, solo recentemente è emersa l'idea che la flessibilità costituisca la base dell'intelligenza umana.

"L'intelligenza generale richiede sia la capacità di raggiungere in modo flessibile stati vicini, di facile accesso - per supportare l'intelligenza cristallizzata - ma anche la capacità di adattarsi e raggiungere stati difficili da raggiungere - per supportare l'intelligenza fluida", ha detto Barbey. "Quello che i miei colleghi ed io abbiamo capito è che l'intelligenza generale non ha origine da una singola regione o rete cerebrale. Le prove emergenti delle neuroscienze suggeriscono invece che l'intelligenza rifletta la capacità di transizione flessibile tra gli stati della rete."

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

Tags: intelligenza cervello flessibilità news di psicologia umana;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters