Pubblicità

Interagire con più persone rende gli anziani più attivi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 768 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori hanno scoperto che gli anziani che spendono più tempo ad interagire con un ampio gruppo di persone sono più attivi fisicamente e mostrano un maggiore benessere emotivo.

anziani news interazione

Si è sempre detto che "la varietà è il sale della vita", adesso però i ricercatori hanno scoperto che la varietà del nostro cerchio sociale potrebbe aiutarci a vivere più a lungo.

I ricercatori dell'Università del Texas ad Austin hanno scoperto che i partecipanti allo studio che interagivano di più con i membri della famiglia e con gli amici intimi, cosi come con conoscenti, amici casuali e sconosciuti sono più tendenti ad avere livelli più alti di attività fisica, meno tempo speso a stare seduti o a perdere tempo, e stati d'animo più positivi con minori sentimenti negativi.

Questo è il primo studio a collegare l'interazione sociale con l'attività fisica durante il giorno, è stato pubblicato sul Journal of Gerontology Series B: Psychological Sciences and Social Sciences. "Gli adulti spesso diventano sempre meno attivi fisicamente e più sedentari con l'aumentare dell'età e questi comportamenti sono un fattore di rischio per malattie e la morte"

"E' difficile convincere gli anziani ad andare in palestra oppure a fare attività fisica regolare e quotidiana. E' però più semplice convincere gli anziani a parlare con sconosciuti, frequentare un evento organizzato di gruppo o parlare al barista del bar preferito"

"Per gli anziani, socializzare in questi diversi contesti potrebbe anche migliorare la salute fisica e mentale senza necessariamente bisogno di attività fisica e sudore" ha spiegato Karen Fingerman, professoressa di sviluppo umano e scienze della famiglia alla UT di Austin e direttrice del nuovo centro dell'Università del Texas dell'Invecchiamento e Longevità.

I ricercatori hanno chiesto agli anziani partecipanti dello studio dei loro incontri sociali e le loro attività ogni tre ore a settimana. I partecipanti avevano anche un dispositivo elettronico per far si' che i ricercatori monitorassero le loro attività fisiche.

Fingerman ed il suo team di ricerca osservarono che gli anziani che avevano una più grande varietà di rapporti sociali, mostravano anche un più alto livello di attività fisica (uscire di casa, camminare, parlare con gli altri, andare a fare la spesa).

Pubblicità

Gli studi precedenti hanno mostrato che la comunità, come la famiglia ed amici, possono essere benefici per gli anziani nel combattere lo stress ed i dolori quotidiani e migliorare il benessere emotivo. Questo studio ha mostrato che i legami con conoscenti potrebbero incoraggiare gli anziani ad essere più attivi fisicamente, un fattore chiave che è stato dimostrato contribuire ad una migliore salute fisica ed emotiva e cognitiva.

"Gli anziani sono più tendenti ad essere sedentari con i loro amici e familiari - sedendosi a guardare la TV o giocando a carte a casa, invece i conoscenti sono più propensi ad incoraggiare gli anziani ad uscire di casa per attività varie." ha spiegato la Fingerman.

Lo studio includeva più di 300 anziani oltre i 65 anni di età che vivevano nell'area metropolitana di Austin ed è stato controllato per i fattori come l'età, il genere, l'etnia, lo stato sociale ed il livello di scolarità. "La ricerca precedente sull'invecchiamento si è focalizzata interamente sui benefici dei legami sociali intimi come i coniugi o i nipoti.

Questa nuova ricerca ha realizzato dei dati nuovi che catturano l'intero ammontare e la qualità di contatti umani con tutti la varietà di persone che gli anziani incontravano quotidianamente, ed i risultati hanno mostrato che chi ha una routine quotidiana più varia mostra degli importanti benefici nei livelli di attività fisica e benessere psicologico.

Questa nuova informazione suggerisce l'importanza di politiche e programmi di supporto agli anziani che promuovano una routine di partecipazione alle attività sociali" ha spiegato la co-autrice Debra Umberson, professoressa di sociologia e direttrice del Centro di Ricerca sulla Popolazione di Austin UT.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: benessere invecchiamento anziani news di psicologia sociale conoscenti varietà

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters

0
condivisioni