Pubblicità

Internet e depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 452 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE NEWS n. 74 (26.8.2001)

"Internet produce depressione e solitudine tra le persone.."..Con questa tesi, il dr.Robert Kraut , docente di psicologia alla Carnegie University di Pittsburgh, esordì circa tre anni fa puntando l'indice contro il mondo del web... Fino ad allora, Internet aveva goduto di una buona reputazione nel mondo scientifico come un ottimo strumento di comunicazione; questa reputazione è stata comunque adesso ripristinata stando alle ultime considerazioni dello stesso Kraut, secondo cui gli effetti negativi derivanti da Internet sembrano avere una durata solo temporanea.

Nel 1998 Kraut ed i suoi collaboratori posero l'accento su un apparente paradosso di Internet, per cui il nuovo strumento, nato per favorire la comunicazione tra le persone, in realtà le allontanava facendole vivere solo pseudorelazioni; Kraut scriveva infatti che le persone trascorrevano ore ed ore davanti ai monitor sottraendo tempo alle relazioni sociali autentiche faccia a faccia e sostituendole con quelle "virtuali".

Questa tesi, che ha messo in luce un possibile aspetto negativo nell'utilizzo della rete web, è stata subito accolta negli ambienti scientifici anche in seguito agli studi di altri psicologi, tra cui la dr.ssa Kimberley Young, che si è fatta conoscere per aver scritto nel 1998 un libro, divenuto presto best seller ("Caught in the Web") dove l'attenzione era posta soprattutto sui problemi di dipendenza da Internet.

Negli ultimi tempi tuttavia queste posizioni sono state oggetto di critiche e considerate perlopiù come estremizzazioni di aspetti pur potenzialmente presenti nella comunicazione via Internet. Anche la metodologia seguita da Kraut nelle sue ricerche è stata criticata in quanto basata soltanto su piccoli campioni di soggetti (un campione composto da circa 90 famiglie residenti nell'area urbana di Pittsburgh) già in qualche modo selezionati in base a certe caratteristiche (età, cultura, etc..) e senza rispettare il paradigma fondamentale della ricerca che prevede sempre il cosiddetto "gruppo di controllo"; i risultati sono stati quindi in seguito criticati e considerati da alcuni come statisticamente irrilevanti.

Pubblicità

I nuovi studi condotti recentemente da Kraut sugli effetti di Internet hanno cercato di superare le precedenti difficoltà metodologiche, ma ora le sue conclusioni delineano una posizione più morbida, meno critica rispetto alla comunicazione on line: intanto depressione e solitudine non rappresentano le conseguenze dirette dell'utilizzo del web, e ne vengono rilevati gli aspetti positivi sia nell'ambito strettamente relazionale che in quello lavorativo, ponendosi come ulteriore canale di contatto in aggiunta al telefono ed alla conversazione faccia a faccia. Inoltre le persone con difficoltà di contatto interpersonale possono costruire attraverso la rete legami che si consolidano nel tempo e divengono vere e proprie amicizie, anche se, ribadisce Kraut, i legami nati nel mondo virtuale sono solitamente più vulnerabili delle amicizie del mondo "reale". Alcuni degli effetti negativi ribaditi da questi nuovi studi sarebbero invece relativi alla possibilità, in seguito ad un ricorso eccessivo della navigazione in rete, di un minore interesse per la realtà locale in cui si vive quotidianamente.

 

(tratto da:"Researchers: Internet not depressing after all"- Deutsche Presse-Agentur (dpa) - August 19, 2001)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

News Letters

0
condivisioni