Pubblicità

Internet e social network: i ragazzi italiani sono più vulnerabili

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 292 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cominciano a 10 anni, un po' in ritardo rispetto alla media dei ragazzi europei. Ma «navigano» quasi tutti, nove su dieci, più della metà tutti i giorni. E altrettanti hanno un profilo su un social network. In maggioranza usano il computer in camera propria e non in uno spazio comune, quindi con meno possibilità di controllo. Non solo: si diffonde (ma solo nel 9% dei ragazzi italiani) l'uso di Internet, chat via smartphone e supporti mobili, che sono ancora meno controllabili.

 

 

La relativa arretratezza dei ragazzi italiani li preserva, più che in altri Paesi, anche dai rischi della rete, ma la scarsa competenza li rende più vulnerabili. E il diffuso semianalfabetismo informatico di genitori e insegnanti impedisce un adeguato supporto.
Questo ritratto dei nostri giovani «smanettoni» emerge da una grande ricerca europea (25.142 ragazzi dai 9 ai 16 anni in 25 Paesi europei) finanziata dal Safer Internet Programme della Commissione Europea. L'indagine, realizzata dalla rete EU Kids Online è stata presentata ieri a Milano in un'assise non di sociologi o psicologi, ma sorprendentemente di pediatri, nel corso di un incontro chiamato «Stati generali della pediatria»: generali sia perché concorrono tutte le componenti dei «medici dei bambini», sia perché dedicato a temi che toccano in generale lo stato di benessere dei più giovani.

 

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni