Pubblicità

INTERNET, PORNOGRAFIA E DIPENDENZA

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 740 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’Erotismo e la Pornografia, da sempre fortemente relati al contesto socio-culturale di riferimento, hanno promosso un’evoluzione dei costumi sessuali, rilevando possibili aspetti propositivi di tipo educativo, ma anche molti elementi negativi utili al rinforzo dei tabù sessuali tipici della società di riferimento.
Con l’avvento di internet, la condivisione costante ed esponenziale delle immagini pornografiche in rete ha rinforzato in alcune persone una possibile forma di “dipendenza”, che, inevitabilmente, può condurre le stesse ad espressioni di disagio e distorsione del dato di realtà psicocorporeo, relazionale e sessuale.

Come descritto da Quattrini & Spaccarotella (2010), ogni secondo vengono spesi nel mondo enormi quantitativi di denaro in pornografia, una stima americana supera di gran lunga i $ 3000,00. In America il giro d'affari dell'industria del porno ogni anno è di circa 97 miliardi di dollari, con circa 5 milioni di siti dedicati alla pornografia. Il 90% del mercato mondiale riguarda quattro paesi in particolare: Cina, Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti. In cima alla classifica dei massimi produttori di video a luci rosse ci sono appunto gli USA ove viene realizzato un film pornografico ogni 39 minuti.
Se solo si prova a rivolgere l'attenzione al contenitore Internet è possibile rilevare al primo posto la parola sex con 75.608.612 di clic. A questo proposito, “Sex.com” è stato il dominio più costoso di tutti i tempi: nel 2006 è stato acquistato per circa 14 miliardi di dollari. Per quando riguarda il panorama italiano invece, una ricerca Eurispes (2004) afferma che gli italiani che usufruiscono del porno sono 9 milioni, con un giro di affari di 993 milioni di euro, destinato a salire negli anni a venire.

Tratto da: "benessere.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

News Letters

0
condivisioni