Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Interventi sulla famiglia per il disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 299 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Precedenti ricerche sul disturbo bipolare, più noto con il nome di disturbo maniaco-depressivo, hanno mostrato l’importanza dei fattori famigliari e psicosociali nel determinare eventuali ricadute e successivi ricoveri in strutture specializzate per i soggetti che soffrono di questa patologia psichica.

E’ stato infatti ribadito da più parti come l’intervento psicoterapeutico dell’intero nucleo famigliare del paziente con disturbo bipolare possa influire positivamente sulla gestione della sintomatologia ed apportare elementi di sostegno che favoriscono il raggiungimento di una maggiore stabilità degli aspetti psicologici più vulnerabili.

Il dr. M.Reinares ed alcuni suoi colleghi dell’Università di Barcellona hanno analizzato recentemente i dati esistenti nella letteratura scientifica riguardante questo specifico disturbo ed in particolare quella relativa agli interventi sulla famiglia di tali pazienti. Da queste rilevazioni si evidenzia come la terapia famigliare costituisca un valido aiuto, oltre al trattamento specificatamente farmacologico, per le persone che soffrono di disturbo bipolare in quanto contribuisce a migliorare anche il livello comunicativo e di scambio emotivo reciproco all’interno del nucleo famigliare e nel contesto sociale allargato.

Altri recenti studi sull’argomento condotto dalla Scuola di Medicina dell'Università di Washington hanno altresì rilevato come venga frequentemente sottostimata la presenza di disturbi di tipo bipolare nei bambini ed adolescenti a causa della non adeguata informazione nell'ambiente medico circa la sua diffusione tra queste fasce di età. L’intervento sulle famiglie diviene quindi ancora più importante in questo caso, dove è il bambino o l’adolescente ad essere direttamente colpito dal disturbo e necessita maggiormente dell’appoggio famigliare.

Le forme maniaco-depressive infantili ed adolescenziali sono molto simili a quelle di cui soffrono gli adulti, soprattutto nelle forme gravi. Anche i bambini che presentano questa condizione mostrano così spesso un comportamento impulsivo con scarso adattamento, associato ad ipertrofia dell'io ed idee di grandiosità, alternato a periodi di vissuti depressivi più o meno intensi, così come avviene per le forme adulte.."Ma mentre in questi ultimi gli episodi maniacali o depressivi lasciano il posto a periodi di relativa remissione dei comportamenti disturbati" - dice la dr.ssa Barbara Geller, della Medicine School dell’Università di Washington - ".. nei bambini questi sono più continui e producono un quadro generale più uniforme".

Tratto da: “Family Intervention in Bipolar Disorder” - Health Media Ltd – Mar.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni