Pubblicità

Invecchiamento cerebrale più rapido nel disturbo psicotico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 343 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L' invecchiamento rapido dei netwok cognitivi, in seguito all'insorgenza della malattia, offre la possibilità di poter effettuare un intervento precoce.

Invecchiamento

I pazienti con psicosi hanno un accelerato invecchiamento di due network cerebrali importanti per la cognizione generale - il network frontoparietale (FPN) ed il network cingulo-opercolare (CON) - secondo un nuovo studio del Biological Psychiatry.

L'efficienza del network FPN è nella norma nelle prime fasi di psicosi ma diminuisce nei pazienti cronici, indicando che il declino si verifica in seguito all'insorgenza della malattia. Le ricerche supportano l'idea che l'intervento per aumentare l'attività di questi network cerebrali successivamente ai primi segni di psicosi, possa aiutare i pazienti ad avere migliori risultati funzionali più avanti nel corso della loro vita.

"Vi è una crescente prova che un normale invecchiamento biologico nei disturbi psicotici è accelerato. Un aspetto di un invecchiamento salutare è il declino della funzione cognitiva e una cominicazione meno efficiente tra i network cerebrali che supportano abilità cognitive quali la pianificazione, il problem solving e la memoria", ha affermato il capo autore della ricerca Julia M. Sheffield, PhD, del Vanderbilt University Medical Center.

 

Pubblicità

 

La comunicazione tra i network  FPN e CON dimostra i primi segnali di un declino di invecchiamento, quindi le nuove ricerce indicano che le persone con psicosi presentano normali modelli di invecchiamento cerebrale, ma ad un ritmo accelerato. Nello studio la Dr.ssa Sheffield e colleghi hanno utilizzato tecniche di imaging cerebrale per confrontare la connessione tra regioni cerebrali e misurare come queste efficientemente comunicano, in 240 pazienti con disturbo psicotico (inclusi schizofrenia e disturbo bipolare psicotico) e in 178 persone in salute facenti parte del gruppo di controllo.

"Un declino accelerato era specifico per i network cognitivi, a dimostrazione del fatto che l'invecchiamento accelerato non è dovuto a una riduzione globale della comunicazione efficiente in tutto il cervello" ha spiegato la Dr.ssa Sheffield. In particolare, i pazienti con psicosi hanno mostrato un'efficienza globale significativamente ridotta nelle reti frontoparietali e sottocorticali, rispetto al gruppo di controllo.

"L'invecchiamento prematuro o la degenerazione di network corticali è stato sempre più documentato in associazione con la schizofrenia. Tuttavia, abbiamo poche informazioni per quanto riguarda i meaccanismi sottostanti. Collegare questi risultati di imaging al meccanismo sottostante è un passo fondamentale per comprendere la progressione della schizofrenia in modo che possiamo fermarla " ha speigato John Krystal, MD, Editor of Biological Psychiatry.

La scoperta che il declino dell'efficienza del network sembra iniziare dopo l'insorgenza della malattia è particolarmente importante per poter fare in modo di interrompere questa progressione. "Con i progressi nel rimedio cognitivo e l'impatto positivo dell'esercizio sulla connettività di queste reti, i nostri risultati offrono la speranza che i giovani adulti con psicosi ad insorgenza recente trarranno beneficio da interventi che rafforzano la connettività all'interno di queste reti, rallentando o normalizzando il tasso di declino della funzione cognitiva" ha spiegato la Dr.ssa Sheffield.

I risultati del nuovo studio aiutano i ricercatori a capire come le reti cerebrali cambiano nel corso dei disturbi psicotici e suggeriscono che il targeting di queste reti potrebbe interrompere il tasso accelerato di invecchiamento nelle persone con prime fasi di psicosi.

 

 

 

Tratto da Science Dalily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: network psicosi invecchiamento news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni