Pubblicità

Invecchiamento cerebrale più rapido nel disturbo psicotico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 558 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L' invecchiamento rapido dei netwok cognitivi, in seguito all'insorgenza della malattia, offre la possibilità di poter effettuare un intervento precoce.

Invecchiamento

I pazienti con psicosi hanno un accelerato invecchiamento di due network cerebrali importanti per la cognizione generale - il network frontoparietale (FPN) ed il network cingulo-opercolare (CON) - secondo un nuovo studio del Biological Psychiatry.

L'efficienza del network FPN è nella norma nelle prime fasi di psicosi ma diminuisce nei pazienti cronici, indicando che il declino si verifica in seguito all'insorgenza della malattia. Le ricerche supportano l'idea che l'intervento per aumentare l'attività di questi network cerebrali successivamente ai primi segni di psicosi, possa aiutare i pazienti ad avere migliori risultati funzionali più avanti nel corso della loro vita.

"Vi è una crescente prova che un normale invecchiamento biologico nei disturbi psicotici è accelerato. Un aspetto di un invecchiamento salutare è il declino della funzione cognitiva e una cominicazione meno efficiente tra i network cerebrali che supportano abilità cognitive quali la pianificazione, il problem solving e la memoria", ha affermato il capo autore della ricerca Julia M. Sheffield, PhD, del Vanderbilt University Medical Center.

 

Pubblicità

 

La comunicazione tra i network  FPN e CON dimostra i primi segnali di un declino di invecchiamento, quindi le nuove ricerce indicano che le persone con psicosi presentano normali modelli di invecchiamento cerebrale, ma ad un ritmo accelerato. Nello studio la Dr.ssa Sheffield e colleghi hanno utilizzato tecniche di imaging cerebrale per confrontare la connessione tra regioni cerebrali e misurare come queste efficientemente comunicano, in 240 pazienti con disturbo psicotico (inclusi schizofrenia e disturbo bipolare psicotico) e in 178 persone in salute facenti parte del gruppo di controllo.

"Un declino accelerato era specifico per i network cognitivi, a dimostrazione del fatto che l'invecchiamento accelerato non è dovuto a una riduzione globale della comunicazione efficiente in tutto il cervello" ha spiegato la Dr.ssa Sheffield. In particolare, i pazienti con psicosi hanno mostrato un'efficienza globale significativamente ridotta nelle reti frontoparietali e sottocorticali, rispetto al gruppo di controllo.

"L'invecchiamento prematuro o la degenerazione di network corticali è stato sempre più documentato in associazione con la schizofrenia. Tuttavia, abbiamo poche informazioni per quanto riguarda i meaccanismi sottostanti. Collegare questi risultati di imaging al meccanismo sottostante è un passo fondamentale per comprendere la progressione della schizofrenia in modo che possiamo fermarla " ha speigato John Krystal, MD, Editor of Biological Psychiatry.

La scoperta che il declino dell'efficienza del network sembra iniziare dopo l'insorgenza della malattia è particolarmente importante per poter fare in modo di interrompere questa progressione. "Con i progressi nel rimedio cognitivo e l'impatto positivo dell'esercizio sulla connettività di queste reti, i nostri risultati offrono la speranza che i giovani adulti con psicosi ad insorgenza recente trarranno beneficio da interventi che rafforzano la connettività all'interno di queste reti, rallentando o normalizzando il tasso di declino della funzione cognitiva" ha spiegato la Dr.ssa Sheffield.

I risultati del nuovo studio aiutano i ricercatori a capire come le reti cerebrali cambiano nel corso dei disturbi psicotici e suggeriscono che il targeting di queste reti potrebbe interrompere il tasso accelerato di invecchiamento nelle persone con prime fasi di psicosi.

 

 

 

Tratto da Science Dalily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: network psicosi invecchiamento news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni