Pubblicità

Invecchiamento e problemi di gestione finanziaria

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 81 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Semplici problemi nei compiti di gestione finanziaria possono essere un segno precoce di demenza come l'Alzheimer


Invecchiamento finanzaGli adulti, invecchiando, spesso mostrano segni di rallentamento quando si tratta di gestire le proprie finanze, ad esempio nei semplici calcoli quando si paga in contanti o tenere sotto controllo il saldo di un registro dei conti.

Questi cambiamenti possono presentarsi anche in adulti cognitivamente sani. I problemi di gestione del denaro possono essere un presagio di demenza, e secondo la muova ricerca della Duke University Medical Center pubblicata su The Journal of Prevention of Alzheimer's Disease, potrebbero essere correlati alla quantità di gestione di depositi proteici accumulati nel cervello.

"Fino ad oggi c'è stata una falsa percezione che la difficoltà di gestione finanziaria possa verificarsi solo negli ultimi stadi della demenza, ma questo può accadere anche presto e i cambiamenti possono essere sottili" ha detto P. Murali Doraiswamy, professore di psichiatria e geriatria presso la Duke University Medical Center e principale autore del documento. "Quanto più riusciamo a capire la capacità decisionale finanziaria degli adulti e come ciò potrebbe cambiare con l'invecchiamento, tanto meglio possiamo informare la società su tali questioni".

I risultati si basano su un campione di 243 adulti, di età compresa tra 55 e 90 anni, che hanno partecipato a uno studio longitudinale chiamato Alzheimer's Disease Neuroimaging Initiative, che comprendeva test di abilità finanziarie e scansioni cerebrali per rivelare l'accumulo di proteine di placche beta-amiloidi.

Lo studio comprendeva adulti cognitivamente sani, adulti con lieve alterazione della memoria (talvolta un precursore del morbo di Alzheimer) e adulti con diagnosi di Alzheimer, condotto su oltre 50 siti negli Stati Uniti e in Canada.

Pubblicità


I test hanno rivelato che specifiche abilità finanziarie sono diminuite con l'età e nelle primissime fasi di una lieve alterazione della memoria. Il declino è stato simile negli uomini e nelle donne. Dopo aver controllato l'istruzione di una persona e altri dati demografici, gli scienziati hanno scoperto che più erano ampie le placche amiloidi, peggio era la capacità di quella persona di comprendere e applicare concetti finanziari di base o di completare compiti come il calcolo di un saldo del conto.

"Gli adulti più anziani detengono una quota sproporzionata di ricchezza nella maggior parte dei paesi, si stimano 18 trilioni di dolalri solo negli Stati Uniti" ha detto Doraiswamy. "Si sa poco su quali circuiti cerebrali siano alla base della perdita di competenze finanziarie nella demenza: dato l'aumento dei casi di demenza, nei decenni a venire, e la loro vulnerabilità alle truffe finanziarie, questa è un'area ad alta priorità per la ricerca".

Doraiswamy sositene che persino le persone cognitivamente sane possono sviluppare queste placche proteiche durante l'invecchiamento, ma le placche possono apparire anche anni prima ed essere più diffuse in quelle persone a rischio per il morbo di Alzheimer a causa di una particolare storia familiare o di un lieve deterioramento della memoria.

"La maggior parte dei test per la demenza precoce e il morbo di Alzheimer si concentra sulla memoria", ha detto la ricercatrice di Duke Sierra Tolbert, anche lei autrice dello studio. Una valutazione della capacità finanziara come la 20-minute Financial Capacity Instrument-Short Form utilizzata nello studio delle Duke University Medical Center, potrebbe essere uno strumento, per i medici, per monitorare la funzione cognitiva di una persona nel corso del tempo ed è abbastanza sensibile tale da rilevare anche cambiamenti sottiili, ha detto.

"I medici potrebbero prendere in considerazione in modo proattivo i loro pazienti usando questa scala, ma purtroppo non è ampiamente utilizzato", ha detto Tolbert. "I punteggi in diminuzione in un soggetto potrebbero essere un segnale di avvertimento. Speriamo che, con questa ricerca, sempre più medici diventeranno consapevoli dell'esistenza di strumenti in grado di misurare cabiamenti sottili nel tempo ed eventualmente aiutare i paziente e le famiglie a proteggere i loro cari e le loro finanze".

Oltre a Doraiswamy e Tolbert, lo studio include altri autori: Yuhan Liu, Caroline Hellegers, Jeffrey R. Petrella, Michael W. Weiner e Terence Z. Wong.

Questa ricerca ha utilizzato i dati dell'Alzheimer's Disease Neuroimaging Initiative della National Institutes of Health (U01 AG024904) e del U.S. Department of Defense (W81XWH-12-2-0012), nonchè del National Institute on Aging, the National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering, e altri contributi di numerose altre organizzazioni.

 

 

Fonte

  • S. Tolbert ; Y. Liu ; C. Hellegers ; J.R. Petrella ; M.W. Weiner ; T.Z. Wong ; P. Murali Doraiswamy ; for the ADNI Study Group. Financial Management Skills in Aging, MCI and Dementia: Cross Sectional Relationship to 18F-Florbetapir PET Cortical β-amyloid Deposition. The Journal of Prevention of Alzheimer’s Disease, 2019 DOI: 10.14283/jpad.2019.26

 

Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: invecchiamento finanza news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza...

News Letters

0
condivisioni