Pubblicità

Iperattività: le guerre ideologiche non giovano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 322 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le scuole americane non potranno più imporre agli studenti “difficili” terapie farmacologiche come condizione per essere ammessi alle lezioni: lo dice una recente disposizione legislativa. Questo emendamento ha segnato un punto a favore della guerra in corso fra fautori del Ritalin e nemici della psichiatria. Fra queste due trincee, le famiglie dei bambini con disturbi dell’attenzione e iperattività attendono ancora risposte ai loro problemi.

Il disturbo dell’attenzione e iperattività, noto con la sigla ADHD, è una patologia comportamentale infantile caratterizzata da difficoltà di concentrazione, irrequietezza, irritabilità e continua agitazione motoria. Molto si è detto, a volte a sproposito, sulle cause di questo disturbo, che negli anni è stato alternativamente imputato a cause congenite, patologie relazionali, allergie, disfunzioni del rapporto madre-figlio, anomalie neurologiche. Spesso madri e padri si sono sentiti colpevolizzare per il comportamento dei loro bambini, a volte letto con superficialità come semplicemente da bambino “viziato”, e la componente morale e giudicante di chi conosce questo problema solo dall’esterno è pesata sulle vite e l’autostima dei genitori. Ma come sa chi ha questo problema in famiglia ma ha più di un figlio, esiste una differenza che rende questi bambini agitati anche a prescindere dal modo in cui vengono educati o trattati.

L’accumularsi di osservazioni e studi ha permesso di cominciare a inserire qualche tessera del puzzle che compone l’enigma ADHD; questi bambini non solo hanno una reattività elevata, ma reagiscono in modo paradossale e caratteristico a determinate sostanze psicoattive (stimolanti e psicofarmaci). Insomma c’è una base organica che spiega il loro comportamento; e anche se questo non significa ancora aver chiarito le cause primarie, dà spazio alle ipotesi di terapia che negli anni sono state sperimentate, fra entusiasmi e polemiche, su questi bambini. L’approccio attuale consiste nell’affiancare a una terapia farmacologica il sostegno psicologico per il bambino e la famiglia, per aiutare entrambi a gestire le specifiche difficoltà create dalla loro condizione.


Tratto da: Yahoo! Salute, continua la lettura nell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

News Letters

0
condivisioni