Pubblicità

Ketamina: futuro farmaco ansiolitico?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2414 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dei ricercatori neozelandesi hanno scoperto che la ketamina, farmaco comunemente usato come anestetico, può ridurre i sintomi delle persone ansiose che sono resistenti al trattamento comunemente usato nel disturbo d'ansia.

ketamina, farmaco ansiolico

Ricerche precedenti hanno mostrato come la ketamina produca effetti antidepressivi nei pazienti con disturbo depressivo maggiore resistenti al trattamento.

Questo nuovo studio mostra, per la prima volta, evidenze empiriche inerenti la capacità della ketamina di ridurre i sintomi presentati dalle persone ansiose resistenti al trattamento, che non presentano tuttavia un concomitante disturbo depressivo.

In questa ricerca, pubblicata sul Journal of Psychopharmacology, 12 adulti con disturbo d’ansia generalizzato o con disturbo d’ansia sociale hanno assunto tre dosi crescenti di ketamina (0.25, 0.5 e 1 mg/Kg), somministrate una volta a settimana.

Le diverse dosi di ketamina hanno prodotto rapidi effetti ansiolici che sono durati per 3 giorni, fino ad arrivare a 7 giorni con l’assunzione della dose più elevata.

La ketamina agisce bloccando i recettori NMDA del glutammato all’interno del cervello.

Questo farmaco è, inoltre, conosciuto per i suoi effetti euforizzanti e dissociativi, tanto da essere utilizzato, talvolta, come sostanza d’abuso.  

In generale, questo farmaco è stato ben tollerato dai partecipanti allo studio, tuttavia qualcuno di essi ha sperimentato degli effetti collaterali: due pazienti, ai quali era stata somministrata la dose più alta, hanno dichiarato di aver provato una sensazione molto intensa e fuori controllo, mentre altri due hanno provato un senso di nausea piuttosto sgradevole, anche se transitoriamente.

Gli autori dello studio ritengono che, in futuro, potrebbero essere utilizzati dei preparati a base di ketamina nel trattamento dei pazienti depressi resistenti alla terapia comune e potenzialmente anche nella cura delle persone con disturbo d’ansia, anch’esse resistenti al trattamento.

Tuttavia, ad oggi, non vi è l’approvazione dell’utilizzo della ketamina per l’ansia o la depressione.

È necessario, dunque, svolgere ulteriori ricerche per comprendere quale sia il dosaggio migliore e più sicuro per i pazienti ed anche per comprendere quanto tempo dovrebbe durare questo tipo di terapia.

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione ansia disturbo d'ansia ketamina; farmaco ansiolitico;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni