Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ketamina: futuro farmaco ansiolitico?

on . Postato in News di psicologia | Letto 1485 volte

Dei ricercatori neozelandesi hanno scoperto che la ketamina, farmaco comunemente usato come anestetico, può ridurre i sintomi delle persone ansiose che sono resistenti al trattamento comunemente usato nel disturbo d'ansia.

ketamina, farmaco ansiolico

Ricerche precedenti hanno mostrato come la ketamina produca effetti antidepressivi nei pazienti con disturbo depressivo maggiore resistenti al trattamento.

Questo nuovo studio mostra, per la prima volta, evidenze empiriche inerenti la capacità della ketamina di ridurre i sintomi presentati dalle persone ansiose resistenti al trattamento, che non presentano tuttavia un concomitante disturbo depressivo.

In questa ricerca, pubblicata sul Journal of Psychopharmacology, 12 adulti con disturbo d’ansia generalizzato o con disturbo d’ansia sociale hanno assunto tre dosi crescenti di ketamina (0.25, 0.5 e 1 mg/Kg), somministrate una volta a settimana.

Le diverse dosi di ketamina hanno prodotto rapidi effetti ansiolici che sono durati per 3 giorni, fino ad arrivare a 7 giorni con l’assunzione della dose più elevata.

La ketamina agisce bloccando i recettori NMDA del glutammato all’interno del cervello.

Questo farmaco è, inoltre, conosciuto per i suoi effetti euforizzanti e dissociativi, tanto da essere utilizzato, talvolta, come sostanza d’abuso.  

In generale, questo farmaco è stato ben tollerato dai partecipanti allo studio, tuttavia qualcuno di essi ha sperimentato degli effetti collaterali: due pazienti, ai quali era stata somministrata la dose più alta, hanno dichiarato di aver provato una sensazione molto intensa e fuori controllo, mentre altri due hanno provato un senso di nausea piuttosto sgradevole, anche se transitoriamente.

Gli autori dello studio ritengono che, in futuro, potrebbero essere utilizzati dei preparati a base di ketamina nel trattamento dei pazienti depressi resistenti alla terapia comune e potenzialmente anche nella cura delle persone con disturbo d’ansia, anch’esse resistenti al trattamento.

Tuttavia, ad oggi, non vi è l’approvazione dell’utilizzo della ketamina per l’ansia o la depressione.

È necessario, dunque, svolgere ulteriori ricerche per comprendere quale sia il dosaggio migliore e più sicuro per i pazienti ed anche per comprendere quanto tempo dovrebbe durare questo tipo di terapia.

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

Tags: depressione ansia disturbo d'ansia ketamina; farmaco ansiolitico;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters