Pubblicità

Ketamina: futuro farmaco ansiolitico?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3047 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dei ricercatori neozelandesi hanno scoperto che la ketamina, farmaco comunemente usato come anestetico, può ridurre i sintomi delle persone ansiose che sono resistenti al trattamento comunemente usato nel disturbo d'ansia.

ketamina, farmaco ansiolico

Ricerche precedenti hanno mostrato come la ketamina produca effetti antidepressivi nei pazienti con disturbo depressivo maggiore resistenti al trattamento.

Questo nuovo studio mostra, per la prima volta, evidenze empiriche inerenti la capacità della ketamina di ridurre i sintomi presentati dalle persone ansiose resistenti al trattamento, che non presentano tuttavia un concomitante disturbo depressivo.

In questa ricerca, pubblicata sul Journal of Psychopharmacology, 12 adulti con disturbo d’ansia generalizzato o con disturbo d’ansia sociale hanno assunto tre dosi crescenti di ketamina (0.25, 0.5 e 1 mg/Kg), somministrate una volta a settimana.

Le diverse dosi di ketamina hanno prodotto rapidi effetti ansiolici che sono durati per 3 giorni, fino ad arrivare a 7 giorni con l’assunzione della dose più elevata.

La ketamina agisce bloccando i recettori NMDA del glutammato all’interno del cervello.

Questo farmaco è, inoltre, conosciuto per i suoi effetti euforizzanti e dissociativi, tanto da essere utilizzato, talvolta, come sostanza d’abuso.  

In generale, questo farmaco è stato ben tollerato dai partecipanti allo studio, tuttavia qualcuno di essi ha sperimentato degli effetti collaterali: due pazienti, ai quali era stata somministrata la dose più alta, hanno dichiarato di aver provato una sensazione molto intensa e fuori controllo, mentre altri due hanno provato un senso di nausea piuttosto sgradevole, anche se transitoriamente.

Gli autori dello studio ritengono che, in futuro, potrebbero essere utilizzati dei preparati a base di ketamina nel trattamento dei pazienti depressi resistenti alla terapia comune e potenzialmente anche nella cura delle persone con disturbo d’ansia, anch’esse resistenti al trattamento.

Tuttavia, ad oggi, non vi è l’approvazione dell’utilizzo della ketamina per l’ansia o la depressione.

È necessario, dunque, svolgere ulteriori ricerche per comprendere quale sia il dosaggio migliore e più sicuro per i pazienti ed anche per comprendere quanto tempo dovrebbe durare questo tipo di terapia.

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione ansia disturbo d'ansia ketamina; farmaco ansiolitico;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

News Letters

0
condivisioni