Pubblicità

L’abuso infantile è collegato all’autolesionismo in adolescenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4536 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Secondo un nuovo studio, condotto presso l’Università di Toronto, gli adolescenti che sono stati abusati sessualmente o fisicamente durante l’infanzia presentano maggiori probabilità di compiere atti autolesionistici rispetto ai loro coetanei che non sono stati vittime di abusi.

abuso e autolesionismo
Philip Baiden, uno dei principali ricercatori di questo studio, ha affermato: “Abbiamo scoperto che circa un terzo degli adolescenti affetti da diverse problematiche legate alla salute mentale in Ontario, ha compiuto azioni autolesionistiche non suicide”.

Inoltre, egli ha aggiunto di essere rimasto sorpreso nell’aver scoperto che l’abuso sessuale e quello fisico sono in grado di predire azioni autolesionistiche, piuttosto che una tipologia generica di rischio parentale, come problematiche riguardanti la salute mentale di un genitore o l’esposizione alla violenza domestica.

Esaminando altri fattori, i ricercatori hanno scoperto che le adolescenti con sintomi depressivi, diagnosi di ADHD e disturbi dell’umore, avevano maggiori probabilità di compiere comportamenti autolesionistici.

Ciò nonostante, i risultati dello studio hanno anche messo in evidenza che gli adolescenti, che avevano l’opportunità di rivolgersi a qualcuno per ricevere un supporto emotivo durante i periodi di crisi, presentavano una minore probabilità di commettere autolesionismo.

I ricercatori hanno utilizzato dati provenienti da un campione rappresentativo di 2.038 bambini e adolescenti, di età compresa tra 8 e 18 anni, che facevano riferimento alle comunità e alle strutture sanitarie ospedaliere in Ontario. I dati sono stati raccolti utilizzando l’“InterRAI Child and Youth Mental Health assessment instrument”.

Pubblicità

Il co-autore dello studio, il Dottor Shannon Stewart, ha affermato che la depressione può essere considerata un campanello d’allarme che suggerisce una difficoltà dell’individuo ad affrontare la propria situazione di vita; inoltre, i sintomi depressivi possono avere un impatto molto forte sulla capacità di regolare le proprie emozioni, portando allo sviluppo di una tendenza a concentrarsi unicamente sugli aspetti negativi della vita. Tale disturbo può presentarsi anche sotto forma di dolore emotivo tra le vittime di abuso sessuale, tanto da rendere l’autolesionismo l’unica via d’uscita.

I ricercatori ritengono che la comprensione dei meccanismi attraverso i quali possono verificarsi azioni autolesionistiche (di tipo non suicidario), possa aiutare i medici e gli operatori socio-sanitari, che lavorano con i bambini e gli adolescenti vittime di abuso, a prevenire futuri comportamenti lesionistici autodiretti.

 

Tratto da: PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: autolesionismo abuso sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni