Pubblicità

L' alcol aumenta la cecità involontaria verso oggetti visibili

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1963 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca ha scoperto che l'intossicazione da alcol può aumentare la cecità involontaria, ovvero la mancata percezioe cosciente di oggetti completamente visibili. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Psychopharmacology.

alcol cecita"Essere intossicati da alcol - anche all'interno del limite legale di guida - ridurrà significativamente la probabilità di notare un evento nuovo o insolito che si svolge proprio di fronte a te, se ti capita di svolgere un compito semplice ma continuo", ha spiegato l'autore dello studio Alistair J. Harvey dell' Università di Portsmouth.

"Il mio interesse in questo campo è stato innescato nel servizio da giurato nel 2009, quando sono stato convocato per partecipare a due processi per aggressione fisica", ha detto. "Le affermazioni dell'imputato, delle vittime e dei testimoni oculari sulle cause e sulla natura della violenza erano fondamentali per il giudizio della giuria, ma in entrambi i casi la maggior parte di questi individui era ubriaca sulla scena del presunto crimine".

Pubblicità

"In seguito ho scoperto che questo è il caso di circa il 30-50% dei crimini violenti commessi in pubblico nel Regno Unito, ma si sa relativamente poco sugli effetti dell' alcol sull'attenzione e la memoria dei testimoni oculari".

Il concetto di "cecità involontaria" è emerso grazie a uno studio del 1999 noto come esperimento del gorilla invisibile.

Nello studio, ai partecipanti è stato chiesto di guardare un video che mostrava un gruppo di persone che si passavano un pallone da basket. Furono istruiti a contare quante volte la palla veniva passata tra i giocatori.

Mentre i partecipanti erano concentrati sul contare quante volte il pallone da basket si spostava da persona a persona, un uomo con un vestito da gorilla entrava nella scena e batteva il petto prima di andarsene. Sorprendentemente, solo una piccola percentuale dei partecipanti ha riferito di aver visto il gorilla.

Per il loro nuovo studio, Harvey e i suoi colleghi hanno reclutato 104 clienti dal bar studentesco di un'università e hanno usato un etilometro per valutare il loro livello di intossicazione da alcol.

Come nell'esperimento originale, i partecipanti hanno guardato il pallone da basket e gli è stato chiesto di contare il numero di passaggi effettuatti. Gli è stato poi chiesto se avessero notato qualcosa di insolito nel gioco.

L'intossicazione da alcol ha aumentato la cecità involontaria in una condizione sperimentale semplice, in cui i partecipanti dovevano solo tenere traccia del numero di passaggi totali. Ma l' alcol non ha aumentato la cecità involontaria in una versione più difficile dell'esperimento, in cui i partecipanti dovevano tenere traccia del numero di passaggi aerei e di rimbalzo separatamente.

"Se beviamo alcol a sufficienza e siamo assorbiti da alcune attività in corso, è molto meno probabile che notiamo cosa succede intorno a noi rispetto a quando siamo sobri. Questo perché l' alcol riduce le nostre riserve cognitive, costringendo il cervello a destinare le sue risorse mentali solo ai compiti più importanti a portata di mano ", ha detto Harvey a PsyPost.

"Tuttavia, il nostro studio rivela che l 'alcol non altera l'attenzione periferica quando siamo assorbiti da un compito particolarmente impegnativo e pensiamo che questo sia dovuto al fatto che compiti difficili lasciano all' alcol poco o nessun residuo di risorsa mentale da esaurire".

Lo studio ha alcune limitazioni.

"Sebbene il nostro studio mostri effetti significativi del restringimento attenzionale a livelli di alcol nel sangue inferiori al limite legale di guida di questo paese, è limitato a una semplice situazione in cui l'attenzione dell'osservatore è focalizzata solo da un singolo compito di monitoraggio visivo", ha detto Harvey. "I nostri risultati non possono essere generalizzati a attività più complesse, come la guida, in cui lo spettatore deve prestare attenzione a una serie di importanti stimoli visivi."

Lo studio, "Alcohol increases inattentional blindness when cognitive resources are not consumed by ongoing task demands", è stato creato da Alistair Harvey, Sarah J. Bayless e Georgia Hyams.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psicologia alcol esperimento news di psicologia cecità involontaria

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni