Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L' alcol aumenta la cecità involontaria verso oggetti visibili

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1026 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova ricerca ha scoperto che l'intossicazione da alcol può aumentare la cecità involontaria, ovvero la mancata percezioe cosciente di oggetti completamente visibili. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Psychopharmacology.

alcol cecita"Essere intossicati da alcol - anche all'interno del limite legale di guida - ridurrà significativamente la probabilità di notare un evento nuovo o insolito che si svolge proprio di fronte a te, se ti capita di svolgere un compito semplice ma continuo", ha spiegato l'autore dello studio Alistair J. Harvey dell' Università di Portsmouth.

"Il mio interesse in questo campo è stato innescato nel servizio da giurato nel 2009, quando sono stato convocato per partecipare a due processi per aggressione fisica", ha detto. "Le affermazioni dell'imputato, delle vittime e dei testimoni oculari sulle cause e sulla natura della violenza erano fondamentali per il giudizio della giuria, ma in entrambi i casi la maggior parte di questi individui era ubriaca sulla scena del presunto crimine".

Pubblicità

"In seguito ho scoperto che questo è il caso di circa il 30-50% dei crimini violenti commessi in pubblico nel Regno Unito, ma si sa relativamente poco sugli effetti dell' alcol sull'attenzione e la memoria dei testimoni oculari".

Il concetto di "cecità involontaria" è emerso grazie a uno studio del 1999 noto come esperimento del gorilla invisibile.

Nello studio, ai partecipanti è stato chiesto di guardare un video che mostrava un gruppo di persone che si passavano un pallone da basket. Furono istruiti a contare quante volte la palla veniva passata tra i giocatori.

Mentre i partecipanti erano concentrati sul contare quante volte il pallone da basket si spostava da persona a persona, un uomo con un vestito da gorilla entrava nella scena e batteva il petto prima di andarsene. Sorprendentemente, solo una piccola percentuale dei partecipanti ha riferito di aver visto il gorilla.

Per il loro nuovo studio, Harvey e i suoi colleghi hanno reclutato 104 clienti dal bar studentesco di un'università e hanno usato un etilometro per valutare il loro livello di intossicazione da alcol.

Come nell'esperimento originale, i partecipanti hanno guardato il pallone da basket e gli è stato chiesto di contare il numero di passaggi effettuatti. Gli è stato poi chiesto se avessero notato qualcosa di insolito nel gioco.

L'intossicazione da alcol ha aumentato la cecità involontaria in una condizione sperimentale semplice, in cui i partecipanti dovevano solo tenere traccia del numero di passaggi totali. Ma l' alcol non ha aumentato la cecità involontaria in una versione più difficile dell'esperimento, in cui i partecipanti dovevano tenere traccia del numero di passaggi aerei e di rimbalzo separatamente.

"Se beviamo alcol a sufficienza e siamo assorbiti da alcune attività in corso, è molto meno probabile che notiamo cosa succede intorno a noi rispetto a quando siamo sobri. Questo perché l' alcol riduce le nostre riserve cognitive, costringendo il cervello a destinare le sue risorse mentali solo ai compiti più importanti a portata di mano ", ha detto Harvey a PsyPost.

"Tuttavia, il nostro studio rivela che l 'alcol non altera l'attenzione periferica quando siamo assorbiti da un compito particolarmente impegnativo e pensiamo che questo sia dovuto al fatto che compiti difficili lasciano all' alcol poco o nessun residuo di risorsa mentale da esaurire".

Lo studio ha alcune limitazioni.

"Sebbene il nostro studio mostri effetti significativi del restringimento attenzionale a livelli di alcol nel sangue inferiori al limite legale di guida di questo paese, è limitato a una semplice situazione in cui l'attenzione dell'osservatore è focalizzata solo da un singolo compito di monitoraggio visivo", ha detto Harvey. "I nostri risultati non possono essere generalizzati a attività più complesse, come la guida, in cui lo spettatore deve prestare attenzione a una serie di importanti stimoli visivi."

Lo studio, "Alcohol increases inattentional blindness when cognitive resources are not consumed by ongoing task demands", è stato creato da Alistair Harvey, Sarah J. Bayless e Georgia Hyams.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicologia alcol esperimento news di psicologia cecità involontaria

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni