Pubblicità

L' ansia sociale è legata alla preoccupazione di sbagliare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3122 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

Un nuovo studio che ha monitorato l'attività cerebrale dei bambini suggerisce che l'ansia sociale è legata alla preoccupazione di commettere errori.

ansia 1La ricerca, pubblicata sul Journal of American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, fornisce informazioni sui meccanismi neurologici alla base dei sintomi dell'ansia sociale.

"Sono interessato a comprendere meglio l'ansia sociale e come si sviluppa, per una serie di ragioni", ha detto l'autore dello studio George Buzzell dell'Università del Maryland.

Pubblicità

"Anzitutto, l'ansia sociale è una malattia debilitante che colpisce molte persone e dobbiamo capire meglio questo disturbo se vogliamo aiutare queste persone. Io stesso ho lottato con l'ansia sociale per quasi due decenni e ho avuto la sensazione di aver avuto un grande successo nel superarlo; Voglio capire meglio questo disturbo in modo che possa aiutare gli altri a trovare l'aiuto di cui hanno bisogno per fare lo stesso ".

Lo studio ha esaminato 107 bambini di dodici anni che avevano mostrato un temperamento della prima infanzia noto come inibizione comportamentale quando erano più giovani. I ricercatori hanno usato un elettroencefalogramma per monitorare l'attività del cervello elettrico dei bambini mentre completavano un test psicologico che misura la capacità di un partecipante di concentrarsi sull'informazione mentre blocca le distrazioni.

I bambini completarono il test, noto come compito di flanker, due volte. Una volta, dopo essere stati informati, sarebbero stati osservati e, una volta informati, non sarebbero stati osservati.

Osservando i tempi di risposta post-errore e un particolare schema di attività cerebrale noto come Negatività correlata all'errore, Buzzell ei suoi colleghi sono stati in grado di scoprire che l'ansia sociale e l'inibizione comportamentale erano collegate a un' ipersensibilità verso errori quando erano sotto osservazione sociale.

"Uno dei meccanismi attraverso cui sorge l'ansia sociale è un'eccessiva concentrazione su se stessi e sugli errori percepiti, nelle situazioni sociali. Per gli individui con ansia sociale, questa eccessiva attenzione ai propri errori percepiti distrae / toglie l'interazione sociale in atto ", ha detto Buzzell a PsyPost.

Ma lo studio ha alcune limitazioni.

"Innanzitutto, anche se siamo stati in grado di valutare il temperamento di un bambino all'inizio della vita, prima dello sviluppo dei sintomi dell'ansia sociale in adolescenza, le altre misure neurocomportamentali sono state valutate una volta che gli adolescenti mostravano già segni di ansia sociale", ha spiegato Buzzell. "Un approccio migliore sarebbe quello di accedere anche alle misure neurocomportamentali prima dell'emergenza dei sintomi dell'ansia sociale al fine di identificare veramente un meccanismo che dia origine ad esso.

"La seconda importante limitazione è che la nostra misura della 'preoccupazione dell'errore' si basa solo sui tempi di reazione ed è una misura piuttosto approssimativa; al momento, stiamo impiegando analisi più sofisticate per meglio catturare l'intera cascata di processi neurali che precedono e seguono gli errori; speriamo di pubblicare presto i risultati di queste nuove analisi ".

"Sebbene io sia colui che sta parlando in questo momento, questo è stato davvero uno sforzo di squadra, che ha coinvolto molte persone molto intelligenti (che sono elencate come autori sul manoscritto). Sono molto grato a tutti i miei coautori per il loro lavoro su questo progetto nel corso degli anni e la loro intuizione, in particolare il principale investigatore di questo progetto, il Dr. Nathan A. Fox ", ha aggiunto Buzzell.

"Inoltre, tutti noi siamo immensamente grati a tutte le famiglie che hanno partecipato a questa ricerca, in quanto non sarebbe stato possibile senza la loro partecipazione e il loro impegno nel progetto. Siamo anche molto grati per i generosi finanziamenti che questo progetto ha ricevuto nel corso degli anni ".

Lo studio, "A Neurobehavioral Mechanism Linking Behaviorally Inhibited Temperament and Later Adolescent Social Anxiety", è stato scritto da George A. Buzzell, Sonya V. Troller-Renfree, Tyson V. Barker, Lindsay C. Bowman, Andrea Chronis-Tuscano, Heather A Henderson, Jerome Kagan, Daniel S. Pine e Nathan A. Fox.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni