Pubblicità

L’attività dell’amigdala come predittore di DPTS

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4299 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I risultati di un nuovo studio hanno mostrato come le tecniche di neuroimaging delle funzioni emotive del cervello possano contribuire a predire se una persona svilupperà un Disturbo Post Traumatico da Stress in seguito ad un trauma acuto.

dpts

La ricerca, effettuata presso l’Emory University in Georgia in associazione con l’Harvard Medical School e il McLean Hospital in Massachusett, ha dimostrato la presenza di una relazione tra l’attività di due regioni cerebrali chiave, coinvolte nella regolazione emotiva, l’Amigdala e la Corteccia Cingolata Anteriore (ACC) in seguito a un trauma e i sintomi di Disturbo Post Traumatico Da Stress (DPTS), emersi entro un anno dall’evento.

Questo studio introduce un nuovo potenziale biomarker per il DPTS, evidenziando un nuovo ruolo per le tecniche di neuroimaging nella ricerca sul DPTS” ha spiegato il Dottor John Krystal, redattore della rivista Biological Psychiatry. Infatti, l’identificazione di un biomarker per il DPTS potrebbe avere delle importanti implicazioni nella prevenzione e nel trattamento precoce dei sintomi di tale disturbo.

Inoltre, la Dottoressa Jennifer Stevens dell’Università di Emory ha affermato: “La ricerca di questi marcatori biologici che indicano uno scarso recupero è molto importante, poiché ci permetterà di individuare i soggetti più a rischio in seguito ad un trauma e di intervenire precocemente prima dell’insorgenza di disturbi, quali il DPTS e la depressione

Nello studio, Stevens e colleghi hanno utilizzato immagini della risonanza magnetica funzionale per misurare l'attività cerebrale di 31 persone circa un mese dopo un evento traumatico. Non sono stati trattati traumi da guerra e sono stati presi in considerazione eventi traumatici quali incidenti automobilistici o violenze sessuali.

Pubblicità

Durante l’osservazione da parte dei partecipanti di immagini di volti spaventati (indice di pericolo), i ricercatori hanno esaminato il modo in cui l’attività neurale ha reagito a livello dell’Amigdala e dell’ACC, una regione cerebrale che regola il funzionamento dell’amigdala, ed anche il cambiamento nel tempo di tale attività in seguito all’osservazione ripetuta di questi volti. I sintomi auto - riferiti di DPTS sono stati valutati 1, 3, 6 e 12 mesi dopo il trauma.

I soggetti con una più intensa risposta dell’amigdala ai volti spaventati hanno riferito anche sintomi precoci più gravi e hanno mostrato una più alta probabilità di mantenere i sintomi del DPTS nel corso dell’anno successivo.

Inoltre, nello studio è emerso come in coloro i quali era stata registrata una marcata riduzione dell’attività dell’ACC ventrale con la ripetuta visione di tali immagini, definito “adattamento”, hanno dimostrato una scarsa traiettoria di recupero.

Questi risultati hanno permesso di dimostrare come un’elevata reattività dell’amigdala e l’adattamento dell’ACC ventrale in seguito ad una minaccia possano predire l’emergere di sintomi del DPTS dopo un evento traumatico. Pertanto, potrebbe essere utile sviluppare trattamenti in grado di ridurre la reattività dell’amigdala, ad esempio attuando interventi psicoterapeutici o trattamenti farmacologici subito dopo un trauma.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: Disturbo Post Traumatico da Stress news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

News Letters

0
condivisioni