Pubblicità

L’attività dell’amigdala come predittore di DPTS

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2300 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I risultati di un nuovo studio hanno mostrato come le tecniche di neuroimaging delle funzioni emotive del cervello possano contribuire a predire se una persona svilupperà un Disturbo Post Traumatico da Stress in seguito ad un trauma acuto.

dpts

La ricerca, effettuata presso l’Emory University in Georgia in associazione con l’Harvard Medical School e il McLean Hospital in Massachusett, ha dimostrato la presenza di una relazione tra l’attività di due regioni cerebrali chiave, coinvolte nella regolazione emotiva, l’Amigdala e la Corteccia Cingolata Anteriore (ACC) in seguito a un trauma e i sintomi di Disturbo Post Traumatico Da Stress (DPTS), emersi entro un anno dall’evento.

Questo studio introduce un nuovo potenziale biomarker per il DPTS, evidenziando un nuovo ruolo per le tecniche di neuroimaging nella ricerca sul DPTS” ha spiegato il Dottor John Krystal, redattore della rivista Biological Psychiatry. Infatti, l’identificazione di un biomarker per il DPTS potrebbe avere delle importanti implicazioni nella prevenzione e nel trattamento precoce dei sintomi di tale disturbo.

Inoltre, la Dottoressa Jennifer Stevens dell’Università di Emory ha affermato: “La ricerca di questi marcatori biologici che indicano uno scarso recupero è molto importante, poiché ci permetterà di individuare i soggetti più a rischio in seguito ad un trauma e di intervenire precocemente prima dell’insorgenza di disturbi, quali il DPTS e la depressione

Nello studio, Stevens e colleghi hanno utilizzato immagini della risonanza magnetica funzionale per misurare l'attività cerebrale di 31 persone circa un mese dopo un evento traumatico. Non sono stati trattati traumi da guerra e sono stati presi in considerazione eventi traumatici quali incidenti automobilistici o violenze sessuali.

Pubblicità

Durante l’osservazione da parte dei partecipanti di immagini di volti spaventati (indice di pericolo), i ricercatori hanno esaminato il modo in cui l’attività neurale ha reagito a livello dell’Amigdala e dell’ACC, una regione cerebrale che regola il funzionamento dell’amigdala, ed anche il cambiamento nel tempo di tale attività in seguito all’osservazione ripetuta di questi volti. I sintomi auto - riferiti di DPTS sono stati valutati 1, 3, 6 e 12 mesi dopo il trauma.

I soggetti con una più intensa risposta dell’amigdala ai volti spaventati hanno riferito anche sintomi precoci più gravi e hanno mostrato una più alta probabilità di mantenere i sintomi del DPTS nel corso dell’anno successivo.

Inoltre, nello studio è emerso come in coloro i quali era stata registrata una marcata riduzione dell’attività dell’ACC ventrale con la ripetuta visione di tali immagini, definito “adattamento”, hanno dimostrato una scarsa traiettoria di recupero.

Questi risultati hanno permesso di dimostrare come un’elevata reattività dell’amigdala e l’adattamento dell’ACC ventrale in seguito ad una minaccia possano predire l’emergere di sintomi del DPTS dopo un evento traumatico. Pertanto, potrebbe essere utile sviluppare trattamenti in grado di ridurre la reattività dell’amigdala, ad esempio attuando interventi psicoterapeutici o trattamenti farmacologici subito dopo un trauma.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: Disturbo Post Traumatico da Stress news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni