Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L’attività dell’amigdala come predittore di DPTS

on . Postato in News di psicologia

I risultati di un nuovo studio hanno mostrato come le tecniche di neuroimaging delle funzioni emotive del cervello possano contribuire a predire se una persona svilupperà un Disturbo Post Traumatico da Stress in seguito ad un trauma acuto.

dpts

La ricerca, effettuata presso l’Emory University in Georgia in associazione con l’Harvard Medical School e il McLean Hospital in Massachusett, ha dimostrato la presenza di una relazione tra l’attività di due regioni cerebrali chiave, coinvolte nella regolazione emotiva, l’Amigdala e la Corteccia Cingolata Anteriore (ACC) in seguito a un trauma e i sintomi di Disturbo Post Traumatico Da Stress (DPTS), emersi entro un anno dall’evento.

Questo studio introduce un nuovo potenziale biomarker per il DPTS, evidenziando un nuovo ruolo per le tecniche di neuroimaging nella ricerca sul DPTS” ha spiegato il Dottor John Krystal, redattore della rivista Biological Psychiatry. Infatti, l’identificazione di un biomarker per il DPTS potrebbe avere delle importanti implicazioni nella prevenzione e nel trattamento precoce dei sintomi di tale disturbo.

Inoltre, la Dottoressa Jennifer Stevens dell’Università di Emory ha affermato: “La ricerca di questi marcatori biologici che indicano uno scarso recupero è molto importante, poiché ci permetterà di individuare i soggetti più a rischio in seguito ad un trauma e di intervenire precocemente prima dell’insorgenza di disturbi, quali il DPTS e la depressione

Nello studio, Stevens e colleghi hanno utilizzato immagini della risonanza magnetica funzionale per misurare l'attività cerebrale di 31 persone circa un mese dopo un evento traumatico. Non sono stati trattati traumi da guerra e sono stati presi in considerazione eventi traumatici quali incidenti automobilistici o violenze sessuali.

Pubblicità

Durante l’osservazione da parte dei partecipanti di immagini di volti spaventati (indice di pericolo), i ricercatori hanno esaminato il modo in cui l’attività neurale ha reagito a livello dell’Amigdala e dell’ACC, una regione cerebrale che regola il funzionamento dell’amigdala, ed anche il cambiamento nel tempo di tale attività in seguito all’osservazione ripetuta di questi volti. I sintomi auto - riferiti di DPTS sono stati valutati 1, 3, 6 e 12 mesi dopo il trauma.

I soggetti con una più intensa risposta dell’amigdala ai volti spaventati hanno riferito anche sintomi precoci più gravi e hanno mostrato una più alta probabilità di mantenere i sintomi del DPTS nel corso dell’anno successivo.

Inoltre, nello studio è emerso come in coloro i quali era stata registrata una marcata riduzione dell’attività dell’ACC ventrale con la ripetuta visione di tali immagini, definito “adattamento”, hanno dimostrato una scarsa traiettoria di recupero.

Questi risultati hanno permesso di dimostrare come un’elevata reattività dell’amigdala e l’adattamento dell’ACC ventrale in seguito ad una minaccia possano predire l’emergere di sintomi del DPTS dopo un evento traumatico. Pertanto, potrebbe essere utile sviluppare trattamenti in grado di ridurre la reattività dell’amigdala, ad esempio attuando interventi psicoterapeutici o trattamenti farmacologici subito dopo un trauma.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

Tags: Disturbo Post Traumatico da Stress news di psicologia

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo di essere depressa (1502…

Paola, 22       Buongiorno, sono Paola e ho 22 anni. Le scrivo in quanto è da tempo che non sto bene con me stessa, ho avuto problemi in ...

sig.ra (1502281114213)

vale46, 37       Buongiorno vi contatto per cercare di ristabilire un buon rapporto con mio figlio che ora si trova nella difficile età de...

Problemi con lo studio (150074…

Nicola, 24       Salve sono uno studente universitario fuori corso... ho dei problemi con lo studio ovvero studio ma è come se nn lo face...

Area Professionale

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters