Pubblicità

L'attività fisica rallenta il deterioramento cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1260 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'esercizio fisico, se svolto dalle persone anziane, può rallentare l'invecchiamento cerebrale di 10 anni

esercizi anzianiGli anziani che svolgono un'attività fisica costante mostrano un declino più lento delle facoltà di pensiero rispetto a quello che si verifica con il normale processo di invecchiamento.

L'autore dello studio Clinton B. Wright, membro dell' American Academy of Neurology, ha dimostrato che le persone anziane - svolgendo un regolare esercizio fisico - possono essere protette dal decadimento cognitivo legato all'età in quanto le loro capacità mnemoniche restano funzionali più a lungo.

I ricercatori hanno chiesto a 876 soggetti di ricordare con quale frequenza e per quanto tempo essi avevano svolto attività fisica nelle ultime due settimane. In media sette anni più tardi, ad ogni persona sottoposta a risonanza magnetica cerebrale (MRI), è stato somministrato un test di memoria e sulle capacità di pensiero.
Successivamente, cinque anni dopo, hanno eseguito di nuovo lo stesso test precedente.

Del gruppo, il 90% di soggetti ha riferito di non aver svolto esercizi oppure al massimo solo quelli più leggeri; essi avendo condotto un'attività meno impegnativa - come camminare oppure fare yoga - sono stati classificati nel gruppo di "basso livello di attività".
Mentre il restante 10% che ha riferito di aver svolto attività sportive abbastanza intense - come la corsa, l'aerobica o la ginnastica - sono stati collocati nel gruppo di "alto livello di attività".

E' risultato che gli anziani con livelli bassi di attività fisica hanno mostrato un decadimento cognitivo maggiore, nel corso dei cinque anni, rispetto a quelli con elevati livelli: nei test specifici, ad esempio quelli dove veniva misurata la velocità di svolgimento di compiti semplici oppure quante parole di un elenco riuscivano a rievocare, i secondi hanno ottenuto risultati sorprendenti.

La differenza tra i due gruppi era pari a 10 anni di invecchiamento. La differenza è rimasta anche dopo che i ricercatori hanno controllato altri fattori che potrebbero influenzare la "salute del cervello" - come il fumo, l'uso di alcol, l'ipertensione arteriosa e l'indice di massa corporea.

Pertanto l'attività fisica, praticata costantemente, potrebbe rappresentare uno dei possibili fattori che rallentano il deterioramento cognitivo. Tuttavia, sarebbe opportuno confrontare questi risultati con quelli ottenuti per mezzo dello svolgimento di attività più sedentarie, al fine di confermare l'effetto oppure ampliarlo.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: esercizio fumo Yoga attività fisica deterioramento cognitivo corsa aerobica ginnastica anziani salute del cervello

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni