Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'attività fisica rallenta il deterioramento cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 850 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'esercizio fisico, se svolto dalle persone anziane, può rallentare l'invecchiamento cerebrale di 10 anni

esercizi anzianiGli anziani che svolgono un'attività fisica costante mostrano un declino più lento delle facoltà di pensiero rispetto a quello che si verifica con il normale processo di invecchiamento.

L'autore dello studio Clinton B. Wright, membro dell' American Academy of Neurology, ha dimostrato che le persone anziane - svolgendo un regolare esercizio fisico - possono essere protette dal decadimento cognitivo legato all'età in quanto le loro capacità mnemoniche restano funzionali più a lungo.

I ricercatori hanno chiesto a 876 soggetti di ricordare con quale frequenza e per quanto tempo essi avevano svolto attività fisica nelle ultime due settimane. In media sette anni più tardi, ad ogni persona sottoposta a risonanza magnetica cerebrale (MRI), è stato somministrato un test di memoria e sulle capacità di pensiero.
Successivamente, cinque anni dopo, hanno eseguito di nuovo lo stesso test precedente.

Del gruppo, il 90% di soggetti ha riferito di non aver svolto esercizi oppure al massimo solo quelli più leggeri; essi avendo condotto un'attività meno impegnativa - come camminare oppure fare yoga - sono stati classificati nel gruppo di "basso livello di attività".
Mentre il restante 10% che ha riferito di aver svolto attività sportive abbastanza intense - come la corsa, l'aerobica o la ginnastica - sono stati collocati nel gruppo di "alto livello di attività".

E' risultato che gli anziani con livelli bassi di attività fisica hanno mostrato un decadimento cognitivo maggiore, nel corso dei cinque anni, rispetto a quelli con elevati livelli: nei test specifici, ad esempio quelli dove veniva misurata la velocità di svolgimento di compiti semplici oppure quante parole di un elenco riuscivano a rievocare, i secondi hanno ottenuto risultati sorprendenti.

La differenza tra i due gruppi era pari a 10 anni di invecchiamento. La differenza è rimasta anche dopo che i ricercatori hanno controllato altri fattori che potrebbero influenzare la "salute del cervello" - come il fumo, l'uso di alcol, l'ipertensione arteriosa e l'indice di massa corporea.

Pertanto l'attività fisica, praticata costantemente, potrebbe rappresentare uno dei possibili fattori che rallentano il deterioramento cognitivo. Tuttavia, sarebbe opportuno confrontare questi risultati con quelli ottenuti per mezzo dello svolgimento di attività più sedentarie, al fine di confermare l'effetto oppure ampliarlo.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: esercizio fumo Yoga attività fisica deterioramento cognitivo corsa aerobica ginnastica anziani salute del cervello

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni