Pubblicità

L'autismo si nasconde in una piega del cervello?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1883 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

un Marcatore cerebrale precoce dell'autismo: il "sulcal pit"

sulcal pitGli scienziati hanno identificato un marcatore cerebrale specifico per l'autismo, rilevabile attraverso la Risonanza Magnetica (MRI), che può essere presente a partire dai due anni di età.

L'anomalia così rilevata consiste in una piega meno profonda dell'area di Broca, una regione del cervello specializzata nel linguaggio e nella comunicazione, funzioni alterate nei pazienti autistici. Questa scoperta potrebbe aiutare nella diagnosi precoce e nella gestione dell'autismo.

Lo spettro autistico copre una gamma di disturbi dello sviluppo neurologico (autismo tipico, sindrome o disturbi pervasivi dello sviluppo di Asperger) che colpiscono principalmente le relazioni sociali e la comunicazione. Questi disturbi sono associati con uno sviluppo anomalo del cervello.

Le tecniche di misurazione neuro-anatomica standard non erano riuscite fino ad ora a dimostrare l'esistenza di eventuali marcatori specifici per ciascuno di questi disturbi. Recenti scoperte di neuroimaging, invece, hanno suggerito l'esistenza di un'anormale piega del cervello nei bambini autistici.

I neuroscienziati si sono concentrati su un nuovo marcatore ("sulcal pit") corrispondente al punto più profondo di ogni solco della corteccia cerebrale, da cui si formano tutte le pieghe della superficie cerebrale. Queste si sviluppano molto precoce, probabilmente sotto influenze genetiche; pertanto sono adeguati indicatori adeguati per la differenziazione interindividuale.

Gli scienziati hanno osservato, tramite MRI, i "sulcal pit" di 102 bambini dai 2 ai 10 anni, suddividendoli in tre gruppi: quelli con disturbo autistico, quelli con disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato e bambini con sviluppo tipico.

Confrontando questi tre gruppi, hanno scoperto che nell'area di Broca la profondità massima del "sulcal pit" era inferiore nei bambini autistici rispetto agli altri due gruppi. È interessante notare che questa atrofia specifica è stata correlata con le scarse abilità di comunicazione sociale nei bambini autistici.

Questa anomalia cerebrale tipica dei bambini autistici può quindi costituire un biomarcatore per la malattia, consentendo una sua diagnosi precoce e migliore gestione. Questa è una novità se si pensa che, allo stato attuale, l'autismo può essere diagnosticato solo sulla base di segni clinici, attraverso l'osservazione dei bambini e le interviste ai loro genitori.

Questo studio ha anche consentito una scoperta riguardante lo sviluppo del cervello. Mentre precedentemente si pensava che le pieghe corticali si sviluppassero completamente sin dalla nascita, ora gli scienziati hanno dimostrato che alcune pieghe (le più superficiali) possano diventare più profonde con l'avanzare dell'età.
La ricerca biomedica può quindi contribuire a migliorare la nostra comprensione dei meccanismi della vita.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autismo cervello marcatore cerebrale risonanza magnetica sulcal pit area di Broca diagnosi precoce differenziazione interindividuale disturbo pervasivo dello sviluppo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni